Unconstrained Fixed Income: opportunità da corporate bond e diversificazione

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 7 Aprile 2017 | 18:30

Di Adam Smears, Head of fixed Income Research di Russell Investments

In un contesto economico caratterizzato da incertezza, tassi di interesse ai minimi storici e rendimenti reali erosi dall’inflazione, le tradizionali fonti di “income”, come i titoli di Stato, non sono più efficaci come un tempo. Le quotazioni dei governativi più sicuri sono infatti alte, con rendimenti nulli o negativi, e potrebbero essere oggetto di volatilità con i rialzi dei tassi sui Fed funds.

In questa fase le strategie “tradizionali” presentano basse aspettative di rendimento e rischi relativi crescenti. Di conseguenza, si è registrato uno sviluppo di prodotti a reddito fisso non tradizionali, da quelli con un focus su singole strategie, come high yield o credito, a soluzioni diversificate, come multi-asset credit o unconstrained bond.

L’investitore che acquista le singole strategie, dunque, deve essere pronto a reagire rapidamente alle mutevoli condizioni di mercato, oltre ad avere una view chiara sul timing dell’investimento nelle singole asset class. Per questa ragione, riteniamo preferibile optare per soluzioni multi-strategy, che presentano un orizzonte di investimento più lungo e consentono di gestire la propria tolleranza al rischio.

Un approccio multi-strategy, e in particolare unconstrained, aiuta a sfruttare pienamente il potenziale di rendimento del segmento dei corporate bond, investendo in una vasta gamma di titoli diversificati a livello geografico, settoriale, per qualità di credito e scadenze. Tipicamente gli investimenti obbligazionari tradizionali fanno riferimento a un benchmark aggregato, che è fortemente orientato verso il rischio tassi d’interesse come driver di rendimento, un approccio che può essere rischioso con il rialzo dei tassi.

Opportunità dai corporate bond e diversificazione

Riteniamo che, in previsione di un aumento dei tassi di interesse e del ritorno dell’inflazione, il segmento del credito presenti caratteristiche di rischio/rendimento attraenti rispetto ad altre asset class. Inoltre all’interno di questo universo le obbligazioni ad alto rendimento con scadenza più breve e rating BB potranno offrire il pay-off più interessante in termini di rendimento rispetto ai rischi che ci si assume.

Non va però dimenticato che questi segmenti del mercato mostrano rendimenti ciclici e una forte correlazione con i mercati azionari. Un potenziale periodo di risk-off avrebbe pertanto un impatto negativo sulle performance obbligazionarie, ed è quindi importante diversificare in modo efficace.

La diversificazione delle strategie impiegate all’interno del fondo Russell Unconstrained Bond – come strategie long volatility e strategia sulle cartolarizzazioni dei mutui ipotecari con estinzione anticipata – che reagiscono bene in momenti di elevata volatilità o i tassi d’interesse in salita, può fornire una buona protezione contro l’impatto di un eventuale periodo di risk-off.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etp, flussi record verso gli indici di materie prime

Asset allocation: Ambrosetti AM Sim riduce l’esposizione azionaria complessiva

NEWSLETTER
Iscriviti
X