Wall Street cerca di ritrovare ottimismo

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Aprile 2017 | 10:27

Francesco Palmisano Head of sales EXANTE

L’S&P500 chiude la settimana appena trascorsa in lieve calo, ma comunque in recupero dopo i ribassi che hanno caratterizzato la giornata di mercoledì, con la pubblicazione dei verbali della Fed che hanno generato delusione tra gli investitori; in chiusura il Future S&P500 a scadenza Giugno registrava infatti un calo di circa lo 0,3%, a 2.346 punti.

A gettare incertezza sullo scenario attuale sono state le dichiarazioni di alcuni membri della Fed, che hanno paventato il rischio di un mercato azionario in bolla, con i prezzi delle azioni a loro avviso troppo alti rispetto all’andamento reale dell’economia, trainati di recente più da prospettive fiscali accomodanti e di tolleranza del rischio piuttosto che da aspettative di crescita dell’economia.

A riportare un po’ di ottimismo ci ha pensato la pubblicazione dei dati macro nella giornata di venerdì, non tanto con gli attesi Non farm Payroll, ossia i nuovi posti di lavoro creati nel settore extra agricolo, dai quali ci si attendeva un incremento di 219.000 unità anziché i 98.000 attuali; ciò che ha stimolato il recupero dei prezzi è stato il dato sulla disoccupazione, che a sorpresa è scesa dal 4,7% al 4,5%.

Nonostante il quadro di incertezza, con l’S&P500 in ribasso di oltre il 2% da inizio Marzo, primo ritracciamento di tale portata dall’elezione di Trump nel novembre scorso, la prospettiva resta per ora rialzista; il range di breve termine è compreso tra 2.338 e 2.365, con i prezzi che stanno trovando un valido supporto in area 2.340, livello che ha frenato la discesa e che viene per ora acquistato tenendo a galla il mercato.

A livello operativo la strategia intraday resta pertanto quella di cercare pattern rialzisti in area 2.340-2337 punti, a supporto di entrate long con target 2.365 ed in estensione 2.380.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Wall Street non è ancora a fine corsa

Mercati, ecco le prime conseguenze dell’inflazione sull’azionario Usa

Inflazione-S&P 500: quella correlazione da tener d’occhio

NEWSLETTER
Iscriviti
X