Usa, il quadro macro prospettico è tutt’altro che roseo

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 26 Aprile 2017 | 17:00

A cura di Wings Partners Sim

In attesa di valutare i prossimi passi dell’amministrazione Trump (da rilevare come l’imposizione di dazi sulle importazioni di legname di quercia dal Canada abbia riacceso vecchi dissapori tra i due paesi) l’agenda economica va a farsi più interessante in chiusura di settimana, con gli ordinativi di beni durevoli domani e soprattutto la pubblicazione delle stime di PIL del primo trimestre venerdì, con attese che nell’ambito dell’1% di crescita non sembrano dare molto credito alle entusiastiche stime di ripresa enunciate a livello politico.

E di fatto alcuni punti sembrano indicare più che una evoluzione, una involuzione nel panorama economico americano, involuzione che sembrerebbe testimoniare come l’economia a Stelle e Strisce si avvii ad un 2017 decisamente meno tonico rispetto all’anno passato e che ricorda molto da vicino quanto occorso nel 2008.

  • Si stima nel 2017 una chiusura di negozi al dettaglio superiore alle 8.000 unità (nel 2008 ne chiusero 6.163).
  • Il numero dei dettaglianti in fallimento nel 2017 ha già superato quello registrato per l’intero 2016.
  • Nel 2017 oltre 4,5 milioni di metri quadri di spazio destinato alla vendita al dettaglio è stato chiuso negli States; a questo ritmo l’anno potrebbe chiudere con circa 13,6 milioni di metri quadri che eclisserebbero il precedente record stabilito nel 2001 pari a 10,6 milioni.
  • I ristoranti stanno sperimentando il peggior periodo congiunturale a far data dall’ultima recessione.
  • La produzione industriale a marzo ha registrato il calo più rapido da due anni a questa parte.
  • Non una singola persona è impiegata in un nucleo familiare su cinque (Bureau of Labor Statistics).
  • Gli introiti governativi hanno subito la loro maggior contrazione a far data dall’ultima recessione.
  • Praticamente tutte le case automobilistiche hanno riportato vendite deludenti a marzo; le scorte di auto presso i dealers sono schizzate ai massimi a far data…si esatto, dall’ultima recessione.
  • I prezzi dei veicoli usati sta collassando, mentre le perdite su prestiti auto subprime sono ai massimi da…indovinate?
  • Secondo la CNN sei americani su dieci non hanno abbastanza risparmi da coprire una spesa di emergenza da 500 dollari.
  • Secondo il FMI i debiti problematici delle aziende possono raggiungere i 4 trilioni di usd (circa il 25% dei corporate assets complessivi); la percentuale dei debiti definiti “deboli”, “vulnerabili” o “problematici” è giunto agli stessi livelli, eh si, sempre del 2008.

E il 29 aprile si rischia lo shutdown governativo; beh direi che la situazione è tutt’altro che serena sul fronte USA, a discapito di quanto gli indici azionari sembrerebbero dimostrare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Sta diventando tutto più caro? Non proprio

NEWSLETTER
Iscriviti
X