Il fragile futuro dei diritti pensionistici

A
A
A
Marco Liera di Marco Liera4 agosto 2017 | 06:06

Le crisi finanziarie (da debiti eccessivi o da crediti inesigibili) sono diventate una realtà con la quale centinaia di milioni di risparmiatori e contribuenti nel mondo si confrontano da decenni. Le conseguenze a oggi possono essere analizzate su quattro categorie di soggetti: 1) i depositanti e gli obbligazionisti delle banche. Sono stati aggrediti marginalmente in Italia, Olanda, Cipro, Portogallo e Austria; 2) i detentori di titoli di Stato. Sono stati aggrediti pesantemente in Argentina nel 2001 (salvo recuperare il 150% 15 anni dopo) e in Grecia nel 2012; 3) i detentori di diritti pensionistici ‘acquisiti’ (chiunque abbia versato dei contributi al primo pilastro). Sono stati aggrediti in Grecia, con 12 tagli in sette anni. Per capirsi, le riduzioni sono state nell’ordine di 100-150 euro al mese su pensioni di 600-800 euro. 4) i detentori di diritti patrimoniali in generale. In Italia furono aggrediti ‘d’urgenza’ nel 1992, con la patrimoniale del 6 per mille sugli immobili e sui depositi bancari. Ogni crack fa storia a sé, però le perdite di solito vengono arrecate alle parti politicamente più deboli. I depositi, i diritti pensionistici e gli immobili sono tipicamente detenuti dai residenti in un Paese, mentre i bond (bancari e di Stato) sono in varia misura posseduti anche da non residenti. Qui è schierato un partito molto forte, che è quello delle grandi investment bank e dei gestori di fondi internazionali, che gode di ampie complicità presso governi sempre meno democraticamente
eletti, e presso banche centrali e authority grazie al sistema delle porte girevoli (chi faceva il civil servant che diventa banchiere o gestore e viceversa). Per il futuro, il partito più fragile mi pare quello dei detentori di diritti pensionistici ‘acquisiti’. I sistemi pensionistici a ripartizione, nonostante riforme e proiezioni di sostenibilità a 50 anni, prima o poi si riveleranno per quello che sono: dei colossali schemi Ponzi.

@LieraMarco – fondatore YouInvest La Scuola per Investire


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Ferrovie, buon investimento

La recente vendita di Italo (Ntv) ha visto il commento istituzionale di due ministri economici. È a ...

Consob detta le regole: 5 spunti per i consulenti

La delibera Consob del 15 febbraio 2018, recante il nuovo regolamento intermediari, che adegua la di ...

Quando non è l’industria a pagarti, ma il cliente

Il mese scorso ho partecipato a una conferenza per consulenti finanziari abbastanza “disruptive” ...