Chi ha paura della Mifid 2?

A
A
A
Paolo Martini di Paolo Martini5 febbraio 2018 | 06:03

Chi parla tutti i giorni con i consulenti finanziari riscontra quanto evidenziato nelle recenti ricerche Gfk: l’entrata in vigore di Mifid 2 è fonte di paure e incertezze. Se, come svela la ricerca, il 45% dei clienti non sa come viene remunerato il proprio consulente, questi ultimi sembrano vivere i timori tipici di chi prossimamente dovrà svelare una sorta di arcano.

Rispetto a molti professionisti competenti che rappresentano un esempio di eccellenza in Europa, ce ne sono alcuni che privilegiano solo certi aspetti della relazione con il cliente rispetto ai contenuti della propria prestazione professionale, pensando che siano sufficienti gli auguri in occasione del compleanno e un cesto di frutta a Natale. Ebbene questi consulenti finanziari hanno ragione di preoccuparsi. Questo perché il futuro molto prossimo necessiterà di persone sempre più competenti, di professionisti in grado di offrire qualità del servizio: faranno la differenza quei consulenti che operano nelle giuste società, con ampie piattaforme di prodotti e servi- zi e che si focalizzeranno su opzioni innovative, come per esempio tutto il mondo del non quotato e sui servizi di vera gestione e ottimizzazione del patrimonio personale, aziendale e familiare. La partita si giocherà sempre di più sulla parte del servizio, quindi o si sarà capaci di dare valore aggiunto concreto, e non a parole, o si rischierà di cambiare lavoro. Questo significahttps://www.bluerating.com/wp-admin/post.php?post=531987&action=edit# che chi lavora bene non dovrà preoccuparsi, anzi dovrà essere consapevole dell’opportunità di guadagnare i clienti dei colleghi poco preparati e competenti che non saranno stati in grado di rispondere alla richiesta di consulenza a elevato valore aggiunto su tematiche riguardanti l’intera composizione del patrimonio. Per usare una metafora, in tempo di pay tv non ci sarà molto spazio per una televisione generalista.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Esma, un anno all’insegna di Mifid 2

Ti può anche interessare

Dalla Brexit alla Brentry

Una volta Carlo d’Inghilterra disse che “gli architetti moderni a Londra hanno fatto più danni ...

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca

Piattaforme digitali di wm
e riposizionamento sul private Banche e reti si preparano Anche a una s ...

Il curriculum? Presentatelo al robot

La raccomandazione in Italia ha sempre funzionato. Poi vengono magari il titolo di studio, la pratic ...