Dalla Brexit alla Brentry

A
A
A
Alessandro Rossi di Alessandro Rossi9 marzo 2018 | 07:00

Una volta Carlo d’Inghilterra disse che “gli architetti moderni a Londra hanno fatto più danni della Luftwaffe”. Negli ultimi anni si sarà pentito mille volte di quell’affermazione, se solo si sarà fermato a guardare lo skyline della capitale inglese. Chi va a Londra trova una città magnifica, piena di innovazione senza rinnegare la storia, efficiente, funzionale, dal tenore di vita molto alto.
Le preoccupazioni della Brexit sono lontane, anche perché non si notano segnali negativi sull’occupazione e anche il mercato immobiliare, che avrebbe dovuto contrarsi, sembra puntare in alto. Non solo. La BoE (Bank of England) sta pensando di alzare i tassi perché l’inflazione sta risalendo, andando verso il traguardo del 2%. Insomma la Brexit fa bene alla salute dell’economia britannica trasformandola in Brentry, ovvero l’ingresso nei posti più alti di chi conta nel mondo.
Se si rovescia la medaglia però si scopre una situazione completamente diversa. E a rivelarla è stato addirittura il ministero per l’uscita dall’Europa. L’analisi esamina tre degli scenari più plausibili della Brexit: senza accordo con l’Ue la crescita del Regno Unito si ridurrà dell’8% nei prossimi 15 anni rispetto alle stime attuali; con un accordo di libero commercio con l’Ue, la crescita del Regno Unito calerebbe del 5% nello stesso periodo; mentre l’opzione più positiva, che prevede che il Regno Unito mantenga l’accesso al mercato unico, farebbe diminuire la crescita economica al 2%. Chi ha ragione? Difficile a dirsi. Però il mondo non può fare a meno di una delle sue capitali economiche e finanziarie. Inoltre un’Inghilterra debole, a parte qualche scaramuccia molto provincialmente europea, può creare più problemi che vantaggi ai concorrenti. Quindi la vecchia Inghilterra non si arrenderà tanto facilmente.

*rossi@bluefinancialcommunication.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, ora tutto è in mano alla Corte Suprema

Brexit, doppia bordata a Johnson

Brexit, Johnson chiude il Parlamento fino al 14 ottobre

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

Ti può anche interessare

La prima pietra

La fine del 2018 vede finalmente l’avvio della specifica sezione dell’Albo dei consulenti finanz ...

Guaio burocratico

Il primo dicembre 2018 è diventato operativo l’Albo unico dei consulenti finanziari. Dopo anni di ...

Gestito dove vai?

L’analisi statistica dei flussi del risparmio delle famiglie evidenzia un’inversione della t ...