La nuova consulenza? Un work-in-progress

A
A
A
di Andrea Giacobino 9 Marzo 2018 | 07:10
Nel dettato della Mifid 2
 e del regolamento
le informazioni al cliente devono essere puntuali
 e non finiscono con la vendita

Ai clienti o potenziali clienti sono fornite tempestivamente informazioni d’investimento e i relativi servizi, gli strumenti finanziari e le strategie d’investimento proposte, le sedi di esecuzione e tutti i costi e gli oneri relativi”. L’articolo 24 paragrafo 4 della Mifid
2 è quello che fornisce ai produttori di servizi finanziari e ai distributori, anzitutto i consulenti finanziari che lavorano in banche o reti, i principi generali dell’informativa su costi e oneri da comunicare al cliente.

Vale la pena soffermarsi sui tre punti successivi per rilevare anzitutto che le informazioni devono riguardare “tutti i costi e gli oneri connessi, devono comprendere informazioni relative sia
ai servizi d’investimento che ai servizi accessori, anche sul costo eventuale della consulenza, ove rilevante, sul costo dello strumento finanziario raccomandato o offerto in vendita al cliente e sulle modalità di pagamento di quest’ultimo, includendo anche eventuali pagamenti a terzi”,
i cosiddetti incentivi. Tutte le informazioni “devono essere presentate in forma aggregata per permettere al cliente di conoscere il costo totale e il suo effetto complessivo sul rendimento e, se il cliente lo richiede, in forma analitica.
Tali informazioni sono fornite al cliente con periodicità regolare, e comunque almeno annuale, per tutto il periodo dell’investimento”. Inoltre “le informazioni sono fornite in una forma comprensibile, in modo che i clienti
o potenziali clienti possano ragionevolmente comprendere la natura del servizio d’investimento e del tipo specifico di strumenti finanziari che sono loro proposti nonché i rischi a essi connessi e, di conseguenza, possano prendere le decisioni in materia d’investimento con cognizione di causa”.

Il regolamento delegato della direttiva europea, entrata in vigore lo scorso 3 gennaio, chiarisce poi che il processo d’informazione al cliente ha una fase ex ante e una fase ex post: significa cioè che il servizio d’investimento non si chiude con la vendita del prodotto-servizio, ma continua anche dopo. L’articolo 50 dello stesso regolamento infatti recita che le imprese d’investimento, qualora abbiano raccomandato o offerto in vendita uno o più strumenti finanziari o abbiano fornito al cliente il Kid Priips/Kid Ucits relativo a tali strumenti, “gli forniscono annualmente informazioni ex post su tutti i costi e gli oneri relativi… in forma personalizzata”. Quindi prima e dopo le informazioni devono: illustrare l’effetto del totale dei costi sul rendimento, compresi tutti i picchi anticipati o le fluttuazioni nei costi”. Ecco perché Mifid 2 segna davvero una rivoluzione nel modo stesso di concepire la consulenza finanziaria che non può e non deve più limitarsi al mero collocamento, ma costruisce assieme al cliente un work-in-progress di consapevolezza di tutte le fasi dell’investimento. In questo senso la nuova direttiva, sebbene in linea di continuità con la precedente, amplifica di fatto il campo d’azione e innalza i presidi di tutela. Quanti consulenti finanziari italiani se ne rendono davvero conto?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Fundstore lancia un nuovo servizio di consulenza

Il consulente mi piace, ma meglio mio cugino

Azimut, sempre in prima linea per l’innovazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X