Col vento in poppa

A
A
A
Denis Masetti di Denis Masetti 6 Aprile 2018 | 06:20

Non c’è Mifid 2 che tenga, la raccolta dell’industria italiana dell’asset management resta largamente positiva e i record si succedono. Dopo aver chiuso il 2017 con una raccolta di circa 100 miliardi di euro, anche i primi mesi del 2018 confermano che i flussi netti registrati dall’industria del risparmio gestito sono ampiamente positivi, superiori a quelli già buoni del 2017. I consulenti finanziari si confermano canale efficiente della raccolta e tutti sorridono felici ed entusiasti delle prospettive. I prodotti più venduti sono i cosiddetti fondi flessibili, ma anche gli obbligazionari sono molto collocati soprattutto dal sistema bancario. Qualche rischio si potrebbe percepire se i tassi dovessero crescere come sembra, ma per il momento prevale l’ottimismo. L’effetto contrazione dei margini e abbassamento dei costi di gestione, frutto della maggiore trasparenza imposta dalla normativa Mifid 2 non si è percepito. Spesso i risparmiatori vedono il presente con lo sguardo rivolto al passato e certamente i risultati del 2017 sono stati brillanti: a fronte di un misero rendimento dei titoli di Stato e degli strumenti monetari i mercati azionari hanno brillato e ciò che oggi gran parte degli investitori percepiscono è un risultato largamente positivo. Più complesso valutare cosa succederà nel futuro e allora sarà opportuno valutare gli effetti di una rivoluzione come Mifid 2 in condizioni di mercato più complesse e negative. Chi è ben consigliato non si farà sorprendere e saprà vivere le fasi del mercato con la dovuta saggezza, calma e lungimiranza. Chi è solo a decidere farà ciò che spesso succede: venderà sui ribassi e si prenderà il massimo di perdita. La consulenza e l’esperienza di un professionista sono più che mai indispensabili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BlackRock, quella consulenza nella bufera

Pictet, il roadshow diventa uno spettacolo digital

Performance fee, il giro di vite dell’Esma cambia tutto

Asset allocation: occhio all’obbligazionario degli Emergenti

Mediolanum, una rivoluzione sostenibile

Polizze, nuovo comparto di Lyxor nella multiramo di Cnp Partners

Consulenti, fra Trump e Biden vincono le infrastrutture

Vontobel, poker di certificati sui super trend

IMPact Sim, investimenti certificati dalla Cei

Consulenti: non perdete il Salone dell’Asset Management, mancano 77 giorni all’evento dell’anno

Quant 2020, aperte le iscrizioni per l’evento dedicato all’asset management

Jupiter AM, si rafforza il team azionario

Azimut: campagna d’Egitto

Risparmio gestito, record di profitti

Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene gli utili

Asset management, le 10 ricette per avere successo

Al Salone del Risparmio torna LEADER, con un tocco di rosa

PHOTOGALLERY – Le migliori università europee per sfondare nell’asset management

Fondi, in 3 vogliono Pioneer

Mediolanum, premiato l’asset management “made in Ireland”

Nel 2013 pochi asset ma molto management

Legg Mason gam: l’investimento digitale arriva su iPad

Arc AssetManagement accoglie Giudici nel suo team

Amundi debutta il colosso francese

UNEP FI: investire sulle energie pulite

Julius Baer gioca la carta Collardi

New Star AM – la ristrutturazione porta al delisting

BlackRock, le masse scendono del 12%

NEWSLETTER
Iscriviti
X