Si assicuri chi si indebita

A
A
A
Marco Liera di Marco Liera 12 Giugno 2018 | 06:03

Assicurarsi sul caso morte e invalidità permanente totale, se ti indebiti con un mutuo casa o un prestito personale, mi pare il minimo. Senonché questa pratica assolutamente logica è considerata da vari intermediari un modo per ottenere più commissioni dai clienti, subordinando in modo più o meno esplicito la concessione di prestiti alla sottoscrizione delle polizze. Anche perché ho visto, leggendo qualche contratto, che il 50% di quanto pagato non va a coprire il rischio, ma a remunerare il soggetto finanziatore. E come ha dimostrato una recente indagine Antitrust avviata su alcuni operatori di mercato anche a seguito di una segnalazione Ivass, i regulator vedono come il fumo negli occhi la proposta assicurativa associata a un finanziamento (come se assicurazioni e finanza appartenessero a mondi separati, cosa ovviamente falsa dal punto di vista del cliente). In base alla ricerca YouInvest (pubblicata anche in quattro occasioni sul Journal of Wealth Management), i clienti vanno assicurati sul rischio di azzeramento del loro capitale umano a seguito di premorienza e invalidità permanente totale da infortuni e malattie indipendentemente dall’esistenza di un debito, ovviamente remunerando in modo equo la consulenza ricevuta. Nel capitale umano, ossia nella somma attualizzata dei redditi futuri di un lavoratore, è infatti inclusa anche la capacità di restituire un eventuale debito, tipicamente un mutuo casa. È chiaro che per la quasi totalità dei clienti i premi pagati per le polizze citate sono generalmente considerati “soldi buttati via”, ma questo accade anche perché l’assicurazione di questi rischi rari a grande impatto non viene associata alla protezione del capitale umano, che rappresenta il principale attivo nel bilancio delle famiglie.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X