Gestione a prova di conflitti

A
A
A

La letteratura ha da tempo evidenziato e quantificato i costi, diretti e indiretti, che gli utenti della consulenza finanziaria sostengono per una gestione non efficace dei conflitti d’interessi del professionista. A fronte di questo fenomeno è immaginabile che la nuova normativa Mifid 2 possa avere un qualche effetto correttivo. L’aspettativa è quella di migliorare la qualità della consulenza riducendo, o quanto meno scoraggiando, il misselling dei prodotti finanziari dovuto a consulenze che, seppur adeguate formalmente, privilegiano l’interesse del professionista verso quello dell’utente. Tuttavia diverse ricerche sostengono che un inasprimento normativo può avere effetti limitati
e addirittura potrebbe generare esiti opposti a ciò che si prefigge. In particolare l’efficacia dell’obbligo di trasparenza delle attività e dei costi (disclosure) secondo recenti ricerche può non migliorare i risultati per gli utenti. Anzi può
complicare la relazione con il cliente e allontanarlo, con suo danno, dalla fruizione di un’utile e produttiva consulenza. Tutto ciò perché si continua a inquadrare i problemi dei conflitti d’interesse in termini economici pensando che essi possano essere risolti mediante normative e sanzioni. Questa interpretazione della realtà, ormai primitiva sul piano scientifico, non tiene conto della dimensione psicologica che è dominante in tale questione.
Infatti è ampiamente provato che le violazioni possano essere del tutto inconsapevoli, inconsce e frutto di errori cognitivi. Occorre che alla normativa si affianchino e si sviluppino interventi che consentano di rendere gli operatori
consapevoli di tali processi. Difficile da credere e accettare, è proprio l’effetto di un altro e specifico errore cognitivo: il backfire effect.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: ok tutele, ma che costi

Mifid 2, basta parlare sempre di tariffe

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

Mifid 2, serve sempre più ricerca

La grande festa sta per finire?

Mifid 2, attenti al quinto effetto

Mifid 2, attenti al quinto effetto

Consulenti, soluzioni per tutte le skill

Consulenti, quale modello distributivo prevarrà?

Consulenti, linee guida d’autunno

Bufi (Anasf): le mani di Mifid 2 nelle tasche dei consulenti

Consulenti, più pepe al reclutamento con Mifid 2

Mifid 2, se il consulente diventa green

Mifid 2, primi effetti collaterali

Polizze vita, la Mifid 2 può spingere le unit linked

Consulenti, alle Poste si studia Mifid 2

Nuova era per le polizze

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Mifid 2? Sarà un successo a patto che..

Mifid 2, che guaio per i produttori

Consulenza ad alta tensione

Mifid 2: la ricetta per il “mal di margine”

Consob detta le regole: 5 spunti per i consulenti

Rivivi la diretta di Investments on the web

Efpa Italia, il board apre a terzi

“Lacrime di coccodrillo”, un video pro mandante sul caso SPI

Mifid 2 e fintech a portata di click

Consulenza e trasparenza, il falso mito dei costi

Levi (Fideuram Ispb): “Mifid 2? Una rivoluzione nella consulenza”

Salone del Risparmio: le sfide normative al centro della plenaria di chiusura

Mifid 2, i costi (salati) della direttiva

Anasf al salone per parlare di Mifid 2

Mifid 2, perché i consulenti finanziari possono guadagnare di più

Ti può anche interessare

Poveri risparmiatori sprovveduti crescono

Incrociando tre recenti rapporti di Banca d’Italia, Consob e Prometeia, viene fuori l’immagine d ...

Si scatena il Big Bang, ma l’industria tiene

I consulenti finanziari iscritti all’Albo alla 
data del 13 dicembre 2017 sono 56.018 di cui
g ...

Mifid 2, attenti al quinto effetto

La tanto citata e in qualche caso vituperata Mifid 2 ha prodotto e sta producendo almeno cinque impo ...