Gestione a prova di conflitti

A
A
A
Gaetano Megale, Progetica di Gaetano Megale, Progetica12 giugno 2018 | 06:15

La letteratura ha da tempo evidenziato e quantificato i costi, diretti e indiretti, che gli utenti della consulenza finanziaria sostengono per una gestione non efficace dei conflitti d’interessi del professionista. A fronte di questo fenomeno è immaginabile che la nuova normativa Mifid 2 possa avere un qualche effetto correttivo. L’aspettativa è quella di migliorare la qualità della consulenza riducendo, o quanto meno scoraggiando, il misselling dei prodotti finanziari dovuto a consulenze che, seppur adeguate formalmente, privilegiano l’interesse del professionista verso quello dell’utente. Tuttavia diverse ricerche sostengono che un inasprimento normativo può avere effetti limitati
e addirittura potrebbe generare esiti opposti a ciò che si prefigge. In particolare l’efficacia dell’obbligo di trasparenza delle attività e dei costi (disclosure) secondo recenti ricerche può non migliorare i risultati per gli utenti. Anzi può
complicare la relazione con il cliente e allontanarlo, con suo danno, dalla fruizione di un’utile e produttiva consulenza. Tutto ciò perché si continua a inquadrare i problemi dei conflitti d’interesse in termini economici pensando che essi possano essere risolti mediante normative e sanzioni. Questa interpretazione della realtà, ormai primitiva sul piano scientifico, non tiene conto della dimensione psicologica che è dominante in tale questione.
Infatti è ampiamente provato che le violazioni possano essere del tutto inconsapevoli, inconsce e frutto di errori cognitivi. Occorre che alla normativa si affianchino e si sviluppino interventi che consentano di rendere gli operatori
consapevoli di tali processi. Difficile da credere e accettare, è proprio l’effetto di un altro e specifico errore cognitivo: il backfire effect.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, linee guida d’autunno

Bufi (Anasf): le mani di Mifid 2 nelle tasche dei consulenti

Consulenti, più pepe al reclutamento con Mifid 2

Mifid 2, se il consulente diventa green

Mifid 2, primi effetti collaterali

Polizze vita, la Mifid 2 può spingere le unit linked

Consulenti, alle Poste si studia Mifid 2

Nuova era per le polizze

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Mifid 2? Sarà un successo a patto che..

Mifid 2, che guaio per i produttori

Consulenza ad alta tensione

Mifid 2: la ricetta per il “mal di margine”

Consob detta le regole: 5 spunti per i consulenti

Rivivi la diretta di Investments on the web

Efpa Italia, il board apre a terzi

“Lacrime di coccodrillo”, un video pro mandante sul caso SPI

Mifid 2 e fintech a portata di click

Consulenza e trasparenza, il falso mito dei costi

Levi (Fideuram Ispb): “Mifid 2? Una rivoluzione nella consulenza”

Salone del Risparmio: le sfide normative al centro della plenaria di chiusura

Mifid 2, i costi (salati) della direttiva

Anasf al salone per parlare di Mifid 2

Mifid 2, perché i consulenti finanziari possono guadagnare di più

Certificati, Mifid 2 e innovazione finanziaria ai Cf Webinars

La nuova consulenza? Un work-in-progress

Obblighi informativi Mifid 2, il richiamo di Consob

Mifid 2 e consulenza, l’adeguatezza alle prese con gli switch

Poste, un esercito di advisor sfiderà le banche

Rovinarsi sui mercati ai tempi di Mifid 2

ConsulenTia18/Orsi (M&G): “Gestire Mifid 2 con le partnership”

Mifid 2, i consulenti chiedono aiuto per gestire il cambiamento

ConsulenTia18/Bosisio (Mediolanum): “La burocrazia non seppellirà la consulenza”

Ti può anche interessare

Roba da ricchi

Secondo le classifiche di Forbes (vedere il numero in edicola) i Billionaire, cioè coloro che hanno ...

Una rivoluzione nella finanza digitale

All’Investment & Trading Forum di Rimini, l’evento organizzato dalla nostra casa editrice, m ...

Mifid 2, primi effetti collaterali

L’ansia febbrile che ha caratterizzato il semestre scorso nell’attesa dell’avvio della nuo ...