Cash e gestito, che passione

A
A
A
di Marco Liera 9 Luglio 2018 | 05:53

Secondo i dati di Banca d’Italia le famiglie italiane nel 2017 hanno investito 57 miliardi in fondi comuni, 31 in depositi bancari, 33 in polizze vita e fondi pensione. Più cash, risparmio gestito e previdenza insomma. Allo stesso tempo, le famiglie italiane hanno disinvestito 42 miliardi dai bond bancari, 42 dalle società non quotate (Spa e Srl di famiglia più altre imprese non quotate), e 6 dalle società quotate. Quindi meno rischi sull’azionario diretto e sulle passività bancarie più insidiose. Il saldo netto investimenti/disinvestimenti delle famiglie italiane è pari a 20 miliardi.
Quindi il risparmio è ancora positivo in aggregato (a prescindere dal saldo netto investimenti/disinvestimenti delle altre attività delle famiglie, in primis quelle immobiliari, che non è noto). La ricchezza finanziaria netta delle famiglie italiane a fine 2017 era pari a 3.479 miliardi (+4,7% su fine 2016). Gli stranieri nel 2017 hanno comprato Italia: hanno investito 74 miliardi in depositi di banche italiane, e 23 in azioni italiane, di cui 16 nelle quotate. Le banche italiane hanno comprato Italia: hanno investito 58 miliardi in titoli di Stato italiani e altri 20 in bond privati italiani. Le compagnie di assicurazione e i fondi pensione italiani hanno venduto Italia e comprato estero: hanno disinvestito 8 miliardi dai titoli di Stato italiani, 14 da bond privati italiani e investito 24 in bond esteri, 16 in azioni (di cui 12 in quelle italiane) e 20 in fondi comuni (di cui 17 in quelli esteri).
L’Italia non è la Grecia. Di fronte alle probabili tormente finanziarie che ci attendono nel post Draghi e post Qe, può contare su un alto margine di “autarchia finanziaria”. Non basterà a sostenere un debito pubblico di 2.300 miliardi, ma certamente aiuta. Anche senza la necessità di provvedimenti sul risparmio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti