I costi delle registrazioni

A
A
A
Fabrizio Tedeschi di Fabrizio Tedeschi9 luglio 2018 | 06:05

L’ultima edizione del regolamento intermediari prevede di fatto la registrazione delle telefonate intercorrenti tra intermediari e clientela relative a tutti i servizi d’investimento. La Mifir in realtà obbliga a tale adempimento “almeno” per i servizi dispositivi quali negoziazione per conto proprio, esecuzione di ordini e ricezione e trasmissione di ordini. Prevede la facoltà di ampliare tale area d’applicazione, ma non ne fa obbligo, lasciando alle autorità locali la scelta di un’eventuale estensione. La Consob ha deciso di sfruttare tale opportunità e ha esteso l’obbligo di registrazione delle telefonate e colloqui in generale con la clientela a tutti i servizi d’investimento. In tal modo si è ritenuto di tutelare meglio l’interesse degli investitori.
Alcune osservazioni molto veloci. In questo caso non possiamo scaricare sull’Europa una decisione che è stata presa all’interno dei nostri confini e dai nostri regulator. L’Europa non ci imponeva un tale aggravio di costi. Non è stata fatta nessuna valutazione del rapporto costi benefici di una tale decisione. Forse sarà migliorata la tutela degli investitori, ma alcune conseguenze non saranno a favore né loro né del mercato. Inevitabile sarà un aumento dei costi e questi saranno scaricati sui clienti o impoveriranno i bilanci degli intermediari. Comunque ne soffrirà il mercato e investitori internazionali volgeranno, ove possibile, altrove i loro interessi. L’aumento dei costi manderà fuori mercato le (relativamente) piccole imprese e sarà sempre più difficile per i consulenti singoli operare nel rispetto delle regole. Per ridurre i costi si spingerà ancora di più su sistemi elettronici di raccolta ordini e consulenza. Questo non è negativo, ma rischia di emarginare una fascia di clientela maggiore d’età e a disagio con l’uso delle moderne tecnologie. Inoltre, la progressiva automatizzazione dei servizi d’investimento rischia di ridurne la personalizzazione, con un’inevitabile riduzione della qualità del servizio.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Advice, i costi psicologici

“Il prezzo emozionale” che il cliente paga per la consulenza finanziaria. ...

Consulenti e gestito, la musica rallenta

Mettiamo in fila qualche numero di borsa. Primo prezzo gennaio 2018 di Azimut Holding: 15,97 euro. U ...

La virtù e il bene nelle scelte pensionistiche

E ora tutti – o quasi – a osannare Richard Thaler. Come se fosse necessario vincere un p ...