La check list di buona advice

A
A
A

La consulenza finanziaria professionale implica che il servizio sia erogato con l’obbligo di diligenza, non quella del buon padre di famiglia, ma quella del professionista competente, ossia la perizia che va valutata con standard oggettivi che sono i requisiti della qualità del servizio. Diversi studiosi affermano che è necessario verificare le azioni competenti piuttosto che la competenza, in quanto è necessario misurare l’effettività dei comportamenti e non le potenzialità che possano attuarsi o meno in situazioni e contesti specifici. Così il processo consulenziale va descritto mediante check list di comportamenti osservabili e inequivoci, per pesare e valutare la perizia del consulente.
In assenza di tali check list del servizio non è possibile verificare le azioni competenti del consulente e dunque non è possibile attribuire lo status di professionalità a tale attività, né tantomeno parlare di qualità del servizio consulenziale; come si può verificare la qualità della consulenza ed educazione finanziaria in termini eticoprofessionali e non solo legali?
Utilizzando la prassi di riferimento Uni/PdR 36:2018 – Pianificazione personale ed educazione finanziaria – Indicazioni per la valutazione della conformità ai requisiti della Uni Iso 22222, serie Uni 11348 e Uni 11402. La prassi può essere scaricata liberamente dal sito dell’Uni e può essere utilizzata per la certificazione, l’autovalutazione
del consulente o la verifica del servizio da parte dei clienti. Una dettagliata lista di controllo di 144 comportamenti, facilmente osservabili, può consentire di identificare l’operatore con il quale è meritorio stabilire una relazione professionale di lungo termine, ricca di soddisfazione e opportunità. Altrimenti la qualità diventa chiacchiera: più se ne fa, più se ne perde il significato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

1 commento

  • Avatar ALBERTO DI MARTINO says:

    Dalla derivazione semantica del latino compentens si evince che competente è chi agisce in maniera volutamente responsabile, secondo criteri relativi (quindi adattabili alle illimitate esigenze) e variabili, nonché socialmente e politicamente riconosciuti sia in termini di una prestazione tecnicamente valida che eticamente corretta e coerente con i valori di un gruppo (professionale).
    Quindi la competenza non è in potenza ma in atto. E comunque comportarsi bene una o più volta non implica il farlo sempre. Più che l’osservazione terza serve l’auto determinazione.

ARTICOLI CORRELATI

Robo advisor vs consulenti, Consob rivela quando il cliente preferisce gli umani

Consulenza, terremoto Google

Consulenza, quando un cognome ti condanna

Coronavirus, le reti si stanno dimostrando forti

Consulenza finanziaria: come gestire 4 clienti tipo durante l’emergenza coronavirus

Coronavirus, consulenti italiani ripartiamo insieme!

Consulente finanziario: 4 cose da non fare mai ai tuoi clienti

Consulenza finanziaria 2020: le sfide più importanti da affrontare

Consulenza finanziaria: 5 motivi per amare questa professione, oltre i guadagni

Consulenti e risparmiatori italiani, un rapporto fermo al palo

Consulente finanziario, i 3 motivi per convincere i clienti indecisi

Consulenza, ecco cosa vogliono i nuovi clienti private

8 abitudini di successo nella consulenza finanziaria

Consulenza finanziaria: pianificazione successoria, un argomento tabù per molti ricchi

Consulente finanziario: sette consigli per intraprendere la professione

Consulente finanziario: 4 cose che la gente vuole davvero da te

Consulenti finanziari, come avere successo: cosa non fare mai con i clienti

Consulenti, voi farete la fine dei dinosauri

Il lungo cammino dell’advisor: i portafogli raddoppiano

Consulenti, una chimera chiamata trasparenza dei costi

Consulenti a caccia di una legittimazione

Mediolanum: i numeri raccontati da Massimo Doris

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Ma quanto mi costi?

Consulenza? Sconosciuta. E non si vuole pagarla

Consulenza finanziaria, elogio della liquidità

Sezioniamo la consulenza finanziaria

Consulenza finanziaria in semplicità

Consulenti, accelera la Vigilanza all’OCF

Mifid 2, big a Catania per parlare di educazione e consulenza

Mifid 2, il giorno dopo: all’ITForum big delle reti a confronto

NEWSLETTER
Iscriviti
X