La check list di buona advice

A
A
A
Gaetano Megale, Progetica di Gaetano Megale, Progetica9 luglio 2018 | 06:10

La consulenza finanziaria professionale implica che il servizio sia erogato con l’obbligo di diligenza, non quella del buon padre di famiglia, ma quella del professionista competente, ossia la perizia che va valutata con standard oggettivi che sono i requisiti della qualità del servizio. Diversi studiosi affermano che è necessario verificare le azioni competenti piuttosto che la competenza, in quanto è necessario misurare l’effettività dei comportamenti e non le potenzialità che possano attuarsi o meno in situazioni e contesti specifici. Così il processo consulenziale va descritto mediante check list di comportamenti osservabili e inequivoci, per pesare e valutare la perizia del consulente.
In assenza di tali check list del servizio non è possibile verificare le azioni competenti del consulente e dunque non è possibile attribuire lo status di professionalità a tale attività, né tantomeno parlare di qualità del servizio consulenziale; come si può verificare la qualità della consulenza ed educazione finanziaria in termini eticoprofessionali e non solo legali?
Utilizzando la prassi di riferimento Uni/PdR 36:2018 – Pianificazione personale ed educazione finanziaria – Indicazioni per la valutazione della conformità ai requisiti della Uni Iso 22222, serie Uni 11348 e Uni 11402. La prassi può essere scaricata liberamente dal sito dell’Uni e può essere utilizzata per la certificazione, l’autovalutazione
del consulente o la verifica del servizio da parte dei clienti. Una dettagliata lista di controllo di 144 comportamenti, facilmente osservabili, può consentire di identificare l’operatore con il quale è meritorio stabilire una relazione professionale di lungo termine, ricca di soddisfazione e opportunità. Altrimenti la qualità diventa chiacchiera: più se ne fa, più se ne perde il significato.


1 commento

  • ALBERTO DI MARTINO says:

    Dalla derivazione semantica del latino compentens si evince che competente è chi agisce in maniera volutamente responsabile, secondo criteri relativi (quindi adattabili alle illimitate esigenze) e variabili, nonché socialmente e politicamente riconosciuti sia in termini di una prestazione tecnicamente valida che eticamente corretta e coerente con i valori di un gruppo (professionale).
    Quindi la competenza non è in potenza ma in atto. E comunque comportarsi bene una o più volta non implica il farlo sempre. Più che l’osservazione terza serve l’auto determinazione.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza finanziaria in semplicità

Consulenti, accelera la Vigilanza all’OCF

Mifid 2, big a Catania per parlare di educazione e consulenza

Mifid 2, il giorno dopo: all’ITForum big delle reti a confronto

Consulenti, con Mifid 2 cambiano i requisiti di adeguatezza

Amazon rivoluzionerà la consulenza finanziaria

La Mifid 2 diventa legge

Mifid 2 allarga i confini della consulenza, ma si rischia una Babele

Consulenti, la scadenza per iscriversi all’esame

Consulenti: l’Esma rivede i requisiti di adeguatezza

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Benvenuti al sud: appuntamenti con i cf Widiba in Campania e Basilicata

Intelligenza artificiale: il consulente bancario rischia di essere sostituito dai chatbot?

Giverso (Anima): “Dall’e-learning ai nuovi spazi: ecco le novità di Accademia Anima”

Professionisti a confronto, Ascosim li convoca per parlare di consulenza

Moneyfarm lancia la prima gestione patrimoniale per tutti

Fidelity, al via il roadshow invernale per incontrare i consulenti

Consulenti, Schroders girerà l’Italia con il Campionato 2017

Private Banking Awards 2016, ecco tutti i vincitori

Azimut in tour, quattro tappe tra Nord e Sud

Sec poco attenta, migliaia di gestori e cf senza controlli

Scm Sim, al via il roadshow ’’Beyond wealth management, life coaching’’

Fineco lancia X-Net, la piattaforma di cyborg-advisory

Betterment raggiunge i 5 miliardi di dollari di gestito

SigFig, altri 40 milioni di dollari nelle tasche del robo-advisor

Guazzugli (Anasf): sull’educazione finanziaria faremo la nostra parte

Consob: “Se il cliente ha cultura finanziaria si affida al consulente”

Marangi (Banca Consulia): “Ecco la nuova piattaforma realizzata con Eri Bancaire”

Consulenza: cresce la trasparenza sui costi, meno quella applicata ai rischi

Cambia anche il modo di pagare l’advisory

Investimenti, ecco come trarre il massimo dal proprio consulente finanziario

Anasf, giovedì incontro abruzzese sulla consulenza finanziaria

Blackstone scorpora la divisione consulenza finanziaria

Ti può anche interessare

Gruppi bancari verso il futuro

Una veloce disamina dello scenario bancario evidenzia la crescita quanti-qualitativa di intermediari ...

Ferrovie, buon investimento

La recente vendita di Italo (Ntv) ha visto il commento istituzionale di due ministri economici. È a ...

La virtù e il bene nelle scelte pensionistiche

E ora tutti – o quasi – a osannare Richard Thaler. Come se fosse necessario vincere un p ...