Il vero patrimonio dei cf è quello dell’esperienza

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino9 luglio 2018 | 06:30

I primi mesi del 2018 dei consulenti finanziari italiani sembrano confermare i trend positivi emersi nell’anno precedente. Con riferimento alla popolazione complessiva dell’Albo, i cf abilitati all’offerta fuori sede risultano essere 56.314 – di cui attivi, cioè con mandato, 36.023 (64%) – pari all’1,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2017.
Nei primi quattro mesi di quest’anno, ha ricordato la Relazione Annuale 2017 dell’Ocf (vedi pagg. 14-15, n.d.r.) i provvedimenti di iscrizione adottati sono pari a 975. Il 60,4% delle iscrizioni si riferisce a consulenti che sono risultati idonei alla prova valutativa, il 29,9% è relativo a iscrizioni per possesso dei requisiti di professionalità e il 9,6% è costituito da re-iscrizioni. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (1.169) si registra una diminuzione. Tuttavia il saldo tra le iscrizioni e le cancellazioni è positivo (+444), sebbene inferiore rispetto a quello del 2017 (+732), assestandosi intorno ai livelli del 2016.
I nuovi mandati sottoscritti dagli intermediari autorizzati sono 397 e la maggior parte di questi (54,4%) continua a essere riferita a professionisti dipendenti. Nel 2018, in linea con le indicazioni e le soluzioni operative già adottate nel biennio precedente e finalizzate a una migliore e attenta pianificazione della prova da parte dei candidati, sono state previste cinque sessioni di esame, con appelli mensili alternati nelle sedi di Milano e Roma e un appello annuale nelle sedi di Palermo e Venezia a partire dal mese di febbraio.
La Relazione Ocf evidenzia altri aspetti interessanti dell’industria. Come quello che dimostra come i cf siano portatori di una significativa esperienza professionale, considerato che circa la metà (50,4%) è iscritta all’albo da non meno di 15 anni e che il 49,1% dei consulenti che ha avuto un mandato presenta un’anzianità lavorativa superiore a 10 anni. Con riferimento ai periodi di iscrizione all’Albo, infatti, il 75,3% dei consulenti risulta essere iscritto per un periodo complessivo superiore a 5 anni e il 64,4% superiore a 10 anni. I professionisti con un’anzianità inferiore ai 5 anni sono pari al 24,7% a fine dello scorso anno e l’andamento risulta pressoché analogo a quello del 2016.
Con riferimento poi ai periodi di anzianità lavorativa, la netta maggioranza (61,2%) dei consulenti iscritti all’albo è portatrice di un’esperienza professionale complessiva superiore ai 5 anni e la maggior parte dei 19.548 consulenti non attivi al 31 dicembre 2017 (cioè il 57,3%) ha maturato un’esperienza professionale nel settore. I risultati esposti confermano che i consulenti finanziari hanno una posizione professionale consolidata grazie a un importante patrimonio di relazioni, esperienza e competenze maturate, indicazione che ben si riscontra osservando anche la durata dei mandati correnti sottoscritti dai consulenti; infatti, il 53,4% dei consulenti finanziari in attività ha sottoscritto il mandato corrente (cioè opera con la stessa azienda) da almeno 6 anni.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Se il Kid non funziona

Le nuove regole Priips, in atto dal gennaio 2018, emanate per facilitare la comprensione delle carat ...

Si assicuri chi si indebita

Assicurarsi sul caso morte e invalidità permanente totale, se ti indebiti con un mutuo casa o un pr ...

Il cammino dell’Ocf trova il coronamento

Il passaggio è epocale. A partire dal 1° dicembre 2018 ha preso avvio l’operatività dell’Albo ...