Azioni e bond mai così vicini

A
A
A

Vi è necessità di consulenza, il tema chiave di Mifid 2

Giuseppe G. Santorsola di Giuseppe G. Santorsola29 agosto 2018 | 09:15

Il mese di giugno ha evidenziato diverse difficoltà nei mercati finanziari, con una singolare flessione combinata sia dei mercati obbligazionari che azionari, temperata solo (per i non dollaro based) dalla salita del dollaro e da alcune performance nel settore tecnologico. Nel contempo il risparmiatore italiano ha evidenziato, fin da maggio, una rinnovata propensione a rifugiare volumi consistenti (38 miliardi) fuori dal territorio italiano, accompagnata da una ricerca della liquidità (depositi e titoli di Stato più brevi).

Altra situazione è quella dei prodotti assicurativi protetti o garantiti, a conferma del timore di realizzare perdite. Sotto il profilo dei tassi, le tensioni circa le soluzioni di governo hanno determinato, dopo quasi 30 mesi, il ritorno della scadenza intorno ai 6 mesi verso tassi positivi (0,55 in asta, con spread 100bp) e un’impennata rapida oltre il 2% intorno alla scadenza dei due anni (con spread 240), oltre la quale l’andamento della curva dei rendimenti riprende un’inclinazione più contenuta (con spread quasi costante). Risolto il dubbio sull’assenza di una soluzione di governo, una lenta ma certa ripresa dei tassi d’interesse (che induce alla liquidità per investire in futuro) e la convinzione che il mercato azionario (non quello italiano) siano già saliti. È anomalo anche il fatto che la volatilità obbligazionaria cresca, riducendo la distanza da quella azionaria che resta invece entro le medie storiche.

Per i fondi comuni il risultato lordo positivo comprende forti movimenti negativi nel comparto di diritto italiano, compensati dagli estero-vestiti; colpisce di più la variazione negativa delle Gpm e, quindi delle scelte individuali. Cresce invece il segmento amministrato, alla ricerca della libertà di cambiare, davanti all’incertezza. Vi è necessità di consulenza, il tema chiave di Mifid 2.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: i tre insegnamenti che ci ha lasciato il 2018

Intesa Sanpaolo, svolta ibrida

Manovra, ecco i tagli del vertice per Bruxelles

Investimenti, il dilemma dello sconto italiano

Deutsche Bank: occhio a chi ne sfrutta illecitamente il marchio

Fondi & sicav: profondo rosso

Doppia nomina tra i responsabili di Consob

Previdenza complementare, bene i fondi ma serve un assist

Fondi, top e flop del 14/12/18

Unicredit, svolta di Mustier: resterà da sola per 3/4 anni

Consulenti: un regalo sotto l’albero

Btp e spread scommettono su Conte

Fondi, top e flop del 13/12/18

Fideuram e SPI, mirino puntato sul centro Nord

Consulenti, parte la guerra alle pressioni commerciali

Sui tassi arriva l’effetto spread

Invesco, portafogli per due scenari alternativi

Consulenti over 60, la paura fa 90

Schroders, la sim italiana cala il sipario sul WM

Sono pronti i nuovi super manager di Banca Mediolanum

Ocf, cresce il popolo degli autonomi

Softbank, un’ipo da record che vale 23,5 mld di dollari

Cf Webinars, come prepararsi al nuovo anno

Si rafforza il commerciale di Raiffeisen CM

Btp: un 2019 con tante incognite

Banche, incubo mega bolla sui derivati

Mediobanca, tutto fatto per il nuovo patto

Efpa sceglie la Mole

Enasarco, fuoco incrociato sulla governance

Limbo iscrizioni per i fee only, interpretare la legge per superarlo

Un ex Credem nel mirino di Consob

Reclutamento, Coppia d’assi per Azimut CM

Il G20 da la scossa alle borse

Ti può anche interessare

Il professionista immorale

I pericoli della “neutralità etica” per un cf esperto ...

Cash e gestito, che passione

Secondo i dati di Banca d’Italia le famiglie italiane nel 2017 hanno investito 57 miliardi in fond ...

Il controllore bacchettato

Anche Mario Draghi ha subito gli strali dei controllori europei. La Ombudswoman Emily O’Reilly, do ...