Azioni e bond mai così vicini

A
A
A

Vi è necessità di consulenza, il tema chiave di Mifid 2

Giuseppe G. Santorsola di Giuseppe G. Santorsola29 agosto 2018 | 09:15

Il mese di giugno ha evidenziato diverse difficoltà nei mercati finanziari, con una singolare flessione combinata sia dei mercati obbligazionari che azionari, temperata solo (per i non dollaro based) dalla salita del dollaro e da alcune performance nel settore tecnologico. Nel contempo il risparmiatore italiano ha evidenziato, fin da maggio, una rinnovata propensione a rifugiare volumi consistenti (38 miliardi) fuori dal territorio italiano, accompagnata da una ricerca della liquidità (depositi e titoli di Stato più brevi).

Altra situazione è quella dei prodotti assicurativi protetti o garantiti, a conferma del timore di realizzare perdite. Sotto il profilo dei tassi, le tensioni circa le soluzioni di governo hanno determinato, dopo quasi 30 mesi, il ritorno della scadenza intorno ai 6 mesi verso tassi positivi (0,55 in asta, con spread 100bp) e un’impennata rapida oltre il 2% intorno alla scadenza dei due anni (con spread 240), oltre la quale l’andamento della curva dei rendimenti riprende un’inclinazione più contenuta (con spread quasi costante). Risolto il dubbio sull’assenza di una soluzione di governo, una lenta ma certa ripresa dei tassi d’interesse (che induce alla liquidità per investire in futuro) e la convinzione che il mercato azionario (non quello italiano) siano già saliti. È anomalo anche il fatto che la volatilità obbligazionaria cresca, riducendo la distanza da quella azionaria che resta invece entro le medie storiche.

Per i fondi comuni il risultato lordo positivo comprende forti movimenti negativi nel comparto di diritto italiano, compensati dagli estero-vestiti; colpisce di più la variazione negativa delle Gpm e, quindi delle scelte individuali. Cresce invece il segmento amministrato, alla ricerca della libertà di cambiare, davanti all’incertezza. Vi è necessità di consulenza, il tema chiave di Mifid 2.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Facebook, Zuckerberg sotto attacco dei fondi

L’indipendenza riparte da Verona

Il condono si tinge di giallo

Il Giubileo straordinario di Fideuram visto dal veterano

Il “buy” del consulente – 17/10/18, da Elica a Prysmian

Fondi, top e flop del 17/10/18

Poker sull’Etfplus per JPMorgan AM

Anche Fidelity sedotta dai bitcoin

Consulenti, un webinar sulle ali dell’indipendenza

BlackRock, i numeri del gigante battono le stime

Consulenti: fenomenologia dello spirito associativo

Gestori, colpo grosso da Ubs a Pimco

Intrigo di ordini di bonifici, sospesa consulente

La triade oscura dei gestori

Il “buy” del consulente – 15/10/18, da Eni a Piaggio

Milano a tutta blockchain

Lo spread sopra 300, boiling point sempre vicino

Fideuram Ispb, manovra d’attacco

Fondi, top e flop del 12/10/18

Consulenti: ok tutele, ma che costi

Il “buy” del consulente – 12/10/18, da Creval a Fila

Widiba, 4 consulenti e un manager per la nuova casa romana

Private banking – parcella, giochi di seduzione

Consulenti, l’indipendenza ha casa a Verona

Sorpresa IW Bank, Di Muro nuovo dg

Mediolanum CU non si ferma mai

J.P. Morgan Am: affidarsi ai professionisti per navigare i mercati a fine ciclo

Azimut, l’estero salva (ancora) la raccolta

Consulenza finanziaria, elogio della liquidità

Fondi, top e flop del 10/10/18

Fmi in versione Cassandra su banche e Italia

La paura dello spread spiegata in un’immagine

Il “buy” del consulente – 10/10/18, da Autogrill a Pirelli

Ti può anche interessare

Una rivoluzione nella finanza digitale

All’Investment & Trading Forum di Rimini, l’evento organizzato dalla nostra casa editrice, m ...

Roba da ricchi

Secondo le classifiche di Forbes (vedere il numero in edicola) i Billionaire, cioè coloro che hanno ...

Il Bitcoin subordinato

Il 3 gennaio sono entrate in vigore le regole della cosiddetta Mifid 2. Sul mercato c’è molta asp ...