Le ragioni del banker

A
A
A
Alessandro Rossi di Alessandro Rossi12 novembre 2018 | 05:24

“Dicono che gli investitori esteri stanno scappando dall’Italia. Dicono che i soldi non ci sono più. Non è vero. Soldi per le piccole operazioni non ce ne sono molti. Ma per le grandi c’è tanto, tantissimo denaro”. Il merchant banker, amico da una vita, parla con calma sorseggiando un calice in un ristorante del centro di Milano. Appena il tempo di un pasto leggero e poi via verso il suo ufficio ad affrontare clienti ricchi ed esigenti. L’immagine dell’Italietta sfiancata e con le pezze nei pantaloni, nel mondo degli affari, quelli veri, non se la beve nessuno. L’Italia e le sue aziende sono merce rara e ambita. E non è neanche vero che i prezzi sono stati abbassati dalla crisi e dalle chiacchiere della politica. “La roba buona, e ce n’è molta, se la vuoi la paghi. La paghi parecchio”, dice ancora il merchant banker. Si alza dal tavolo e saluta regalando una dritta. “Guardati i dati dell’Osservatorio dell’Università Cattaneo, se vuoi avere idea”. Gli abbiamo dato retta. Secondo l’Osservatorio il mercato del private equity non ha tirato il fiato neanche a settembre, storicamente tra i mesi meno intensi insieme a luglio/ agosto, facendo registrare 10 nuovi investimenti. Il 2018 si va configurando come anno record, con 110 operazioni in nove mesi. Dal punto di vista geografico, gli affari si fanno a nord: 40% in Lombardia, 40% in Emilia Romagna e 20% in Piemonte. In ottica settoriale invece l’Osservatorio segnala il 40% dei beni di consumo, il 20% dei prodotti industriali e la presenza di altre operazioni concluse nei servizi finanziari, utilities e alimentare. L’interesse degli investitori internazionali alle imprese del nostro Paese è il 30% del totale. Stai a vedere che l’amico banker ha ragione.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, in Europa solo l’Italia ha outlook negativo

Italia graziata, lo spread ringrazia

Conti pubblici, continua il pressing Ue sull’Italia

Pagamenti, all’Italia piace ancora il contante

Commissione europea, due di picche all’Italia sul debito

Spread infuocato, Tria pompiere

Italia, lo spread torna sui massimi

Italia, meno prestiti alle imprese e bot più cari

Gli italiani si sentono più poveri

Ue, Italia ancora a rischio procedura

Italia, il settore produttivo storce il naso

Governo: una voragine da 8 miliardi

Italia, Fitch vede il Pil quasi a zero

Commissioni sulle performance, il fardello italiano

La Commissione Ue chiede la patrimoniale all’Italia

Private banking, prezzi troppo alti

Allianz Italia, i consulenti fanno la differenza

Ue e Fmi, attacco incrociato sull’Italia

Pil, le grandi banche sono pessimiste

Pil, l’Italia entra in recessione tecnica

Pienone per i Bot e tassi finiscono sottozero

Pil italiano, cala la spada dell’Ue

Manovra, stallo nella trattativa fra Italia e Ue

Manovra, trattativa tutta in salita per l’Italia

Governo dritto sparato verso la multa da 3 miliardi

Regling: l’Italia non è rischiosa

Btp Italia parte l’asta: cedola minima 1,45%

Manovra, l’Italia risponde alle critiche dell’Europa

Manovra, il vero spread Italia-Germania è a quota 400

L’Italia nel mirino della nuova Lega Anseatica

La nuova lettera UE alza l’allarme debito

C’è sempre una prima volta

Amiral Gestion sbarca in Italia

Ti può anche interessare

Operazione Gattopardo

C’è grande fermento negli ambienti politici ed economici in attesa delle elezioni per il Parlamen ...

Un terzo delle fees? Nessuno scandalo

Ai consulenti finanziari un terzo dei ricavi da commissione. Quando Maurizio Bufi, presidente di Ana ...

Guaio burocratico

Il primo dicembre 2018 è diventato operativo l’Albo unico dei consulenti finanziari. Dopo anni di ...