Guaio burocratico

A
A
A
Denis Masetti di Denis Masetti15 febbraio 2019 | 11:54

Il primo dicembre 2018 è diventato operativo l’Albo unico dei consulenti finanziari. Dopo anni di attesa si possono iscrivere le società di consulenza finanziaria e consulenti finanziari autonomi, comunemente noti come fee only. Il momento era atteso, ma l’organizzazione e la predisposizione delle procedure sono state molto carenti. Infatti, l’Ocf non è stato in grado di evadere le non numerose richieste e addirittura si è temuto che questi professionisti restassero nel limbo e fossero costretti a sospendere l’attività.

È dovuto intervenire perfino il Parlamento per metterci una toppa, con una norma che ha prorogato i termini di iscrizione all’Albo di 180 giorni. Questa vicenda di certo non incoraggia il mercato ad andare verso una consulenza indipendente. Ma, se la burocrazia è centralizzata, il futuro si chiama decentralizzazione e poggia sulla tecnologia Blockchain, che certifica in modo incorruttibile e aperto ogni informazione pubblica. Nella nostra piattaforma BlueAdvisor abbiamo inserito la certificazione dei consulenti finanziari iscritti all’Albo e senza pendenze. Ci abbiamo messo 3 settimane ed è gia operativa. È solo l’inizio. Il futuro del decentramento democratico è già cominciato.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Consulenza noir: Nicaragua, i reali sauditi, il figlio di Gelli e un radiato

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Consulenza: il futuro delle Scf

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Tutto pronto per il Forum Nazionale sulla Consulenza Finanziaria

Consulenza e polizze vita, un corso per conoscerle meglio

Copernico Sim, la rivoluzione della consulenza evoluta

Quando la consulenza è una questione morale

Fineco, il titolo inciampa dopo il dietrofront di BlackRock

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

Reti e consulenza, i pionieri della fee only

Dal prodotto al servizio: la consulenza finanziaria income based

Ti può anche interessare

Doris e Nagel, sposi perfetti

Credo che noi dobbiamo essere aperti al contributo di tutti, specialmente di imprenditori del livell ...

Se 15 ispettori posson bastare

Recentemente, l’Ocf ha comunicato al pubblico le modalità ispettive nei confronti dei consulenti. ...

Il presidio della legalità spetta ai cf e agli operatori

La sentenza della Cassazione offre molte lezioni all’industria dell’advisory ma anche ai loro cl ...