Guaio burocratico

A
A
A
di Denis Masetti 15 Febbraio 2019 | 11:54

Il primo dicembre 2018 è diventato operativo l’Albo unico dei consulenti finanziari. Dopo anni di attesa si possono iscrivere le società di consulenza finanziaria e consulenti finanziari autonomi, comunemente noti come fee only. Il momento era atteso, ma l’organizzazione e la predisposizione delle procedure sono state molto carenti. Infatti, l’Ocf non è stato in grado di evadere le non numerose richieste e addirittura si è temuto che questi professionisti restassero nel limbo e fossero costretti a sospendere l’attività.

È dovuto intervenire perfino il Parlamento per metterci una toppa, con una norma che ha prorogato i termini di iscrizione all’Albo di 180 giorni. Questa vicenda di certo non incoraggia il mercato ad andare verso una consulenza indipendente. Ma, se la burocrazia è centralizzata, il futuro si chiama decentralizzazione e poggia sulla tecnologia Blockchain, che certifica in modo incorruttibile e aperto ogni informazione pubblica. Nella nostra piattaforma BlueAdvisor abbiamo inserito la certificazione dei consulenti finanziari iscritti all’Albo e senza pendenze. Ci abbiamo messo 3 settimane ed è gia operativa. È solo l’inizio. Il futuro del decentramento democratico è già cominciato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza, un nuovo centro private per Bper

Consulenza specializzata, arrivano gli MpsAgevolaPiù

Advisor Mantra: le pause

NEWSLETTER
Iscriviti
X