Se 15 ispettori posson bastare

A
A
A
Fabrizio Tedeschi di Fabrizio Tedeschi7 dicembre 2019 | 18:55

Recentemente, l’Ocf ha comunicato al pubblico le modalità ispettive nei confronti dei consulenti. Ottima iniziativa che si espone però a riflessioni diverse. La prima perplessità riguarda l’economicità dell’a- zione amministrativa. Ispezionare un consulente autonomo è abbastanza semplice: non ci sono movimenti di denaro, ma solo contratti e raccomandazioni.

Tutto materiale che può essere richiesto a distanza. Siamo sicuri che inviare 15 persone sia più economico? Altro dubbio riguarda la proporzionalità e ragionevolezza che devono caratterizzare l’azione amministrativa. Il consulente ha spesso un singolo ufficio e un’attività professionale lineare. Fargli trovare alla porta qualche manipolo d’ispettori che agiscono manu militari è un po’ esagerato. Non c’è proporzionalità tra le parti in campo. Ma forse il punto più importante è un altro.

L’azione amministrativa si basa sulla collaborazione tra cittadino e autorità. Quando l’autorità si presenta in forze massicce ed esclude a priori la partecipazione del soggetto vigilato, ben difficilmente potrà chiederne la collaborazione. Questo è il vero danno perché si mina il rapporto di fiducia tra cittadino e amministrazione.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Tassi a zero, creatività a mille

Il costo del denaro ai minimi impone grandi sfide all’industria del risparmio gestito e ai consule ...

Doris e Nagel, sposi perfetti

Credo che noi dobbiamo essere aperti al contributo di tutti, specialmente di imprenditori del livell ...

Un terzo delle fees? Nessuno scandalo

Ai consulenti finanziari un terzo dei ricavi da commissione. Quando Maurizio Bufi, presidente di Ana ...