È il capitalismo, bellezza

A
A
A
di Alessandro Rossi 29 Dicembre 2016 | 14:02
Rubrica “Soldiweb” da Bluerating gennaio 2017

Al momento in cui scriviamo (come si diceva una volta) infuria la lotta per Mediaset tra Vivendi di Vincent Bolloré e la Fininvest della famiglia Berlusconi. Un attacco in piena regola da parte del finanziere bretone a una delle aziende simbolo italiane che ha fatto urlare allo scandalo molti benpensanti della finanza. “Mediaset va difesa in quanto azienda strategica”, ha detto più di un politico e ha titolato più di un giornale. È possibile sull’onda di questo leit motiv che possa intervenire anche il governo utilizzando alcuni commi della legge Gasparri sull’emittenza tv. I primi a difendere la loro azienda dovrebbero essere i proprietari, magari assicurandosi il controllo con il 51% e non facendo sempre le cose all’italiana pensando di comandare con una partecipazione di maggioranza relativa (nel caso poco più del 40%) come sta facendo la Fininvest. Bolloré ha tirato fuori i “dané”, come dicono a Milano, e ha cominciato la sua scalata in Borsa: d’altra parte Mediaset è quotata e a cosa serve la quotazione, solo a far staccare dividendi agli azionisti? Dal momento che sei in Borsa sei pubblico e quindi soggetto agli interessi di altri. Ma lasciamo perdere Mediaset con ragionamenti che rischiano di appartenere al passato. Piuttosto chi si è curato finora delle centinaia (mille negli ultimi 5 anni) di imprese italiane che sono finite in mani straniere? E non si tratta di bruscolini. Alcuni nomi? Indesit, Gucci, Parmalat, San Pellegrino, Bottega Veneta, Krizia, Avio, Bulgari: la lista è lunghissima. Ma queste aziende non sono state predate dallo straniero bensì pagate profumatamente, diverse volte l’ebitda, e alcune sono state sviluppate verso ulteriori soglie di eccellenza come San Pellegrino o Bottega Veneta. Altre invece sono state depredate da sedicenti manager italiani che le hanno spolpate fino all’osso. E allora se si accettano le regole del capitalismo c’è poco da piangere. Se ne vanno i cervelli migliori e le proprietà delle aziende migliori. È il mercato, bellezza.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Si amplia la lista delle big cap italiane senza Tobin Tax

Colpo di reni per Mediaset a Piazza Affari. Le ragioni e i target

Mediaset allunga il passo. Gli obiettivi tecnici da monitorare

NEWSLETTER
Iscriviti
X