Piazza Affari, indietro tutta su timori elezioni anticipate

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Luglio 2019 | 12:26

Tensioni politiche fanno ripartire lo spread

Tornano ad agitarsi gli spettri di nuove elezioni anticipate in ottobre in Italia e sui bond italiani, che in questi giorni avevano sovraperformato, scattano prese di profitto. Così lo spread Btp-Bund sui 10 anni rimbalza stamane sino a sfiorare l’1,96%, 11 punti base abbondanti più di ieri sera in chiusura. La stampa italiana parla infatti di una tensione ormai palpabile tra Lega e M5S, con Matteo Salvini tentato dall’interrompere l’esperienza di governo, anche per lasciare la patata bollente della manovra 2019 a Conte e ai cinque stelle.

Manovra 2019 sempre più in salita

Una manovra che difficilmente potrà vedere il varo della “flat tax”, misura bandiera della Lega a cui M5S preferisce il taglio del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Per entrambe le misure, poi, resta il problema di reperire le coperture, dopo che Luigi Di Maio ha frenato sull’ipotesi di recuperare una decina di miliardi di euro non rinnovando il “bonus Renzi” da 80 euro al mese per i lavoratori dipendenti.

Tesoretti e aumenti dell’Iva

Sullo sfondo resta anche il problema di cercare di evitare che scattino le clausole di salvaguardia sull’Iva, che richiedono in alternativa una copertura attorno ai 24 miliardi di euro. Non basteranno dunque le maggiori entrate e le minori uscite che in questi giorni si è calcolato possano produrre un “tesoretto” di circa 8 miliardi di euro entro fine anno rispetto a quanto previsto dalla legge di bilancio 2018.

Solo Stm, Moncler e Pirelli salgono tra le blue chip

Delle incertezze sulla tenuta e sull’azione di governo risente anche Piazza Affari, dove l’indice Ftse Mib vira in rosso e perde a metà giornata l’1,17%, con solo Stmicroelectronics, Moncler e Pirelli in grado di segnare variazioni positive rispetto a ieri tra le blue chip italiane. Male al contrario i finanziari e le utilities, da sempre sensibili all’andamento dei tassi, con Banco Bpm, Bper Banca, Hera, Italgas, Snam, Ubi Banca e Unicredit tutte tra i 2 e i 3 punti percentuali circa di perdita.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Crisi di governo, atto finale

Governo, pochi giorni per decidere

Flat tax, malumori nella maggioranza

NEWSLETTER
Iscriviti
X