Trevi: è guerra tra soci sul rafforzamento patrimoniale

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Luglio 2019 | 14:00

Trevi, socio di riferimento contro ricapitalizzazione

Seduta negativa a Piazza Affari anche per il titolo Trevi, che cede il 4,3% a 24,45 centesimi per azione. La famiglia Trevisani, cui fa capo tramite Trevi Holding il 31,8% del capitale della società, leader mondiale nell’ingegneria del sottosuolo il cui titolo in borsa ha perso negli ultimi 12 mesi il 2,5%, ha presentato ricorso al Tribunale di Bologna contro la manovra di rafforzamento patrimoniale varata ieri dal Cda chiedendo che la società venga posta in amministrazione giudiziaria.

Trevisani: manovra in conflitto con delega assembleare

Secondo Trevi Holding, gli amministratori e i sindaci di Trevi avrebbero posto in essere delle irregolarità in relazione alla manovra di rafforzamento patrimoniale annunciata, “tra i quali in particolare quelli inerenti ai profili di illegittimità che affliggono la delibera del Cda di aumento di capitale di Trevi per conflitto con i limiti dettati al Cda stesso dalla delibera di conferimento della delega approvata dall’assemblea straordinaria di Trevi il 30 luglio 2018”.

La parola passerà ai soci a settembre

Il Cda ha deliberato un aumento di capitale da 130 milioni in opzione, integralmente garantito dai soci Fsi e Polaris e dalle banche finanziatrici, in parallelo ad un aumento fino a 63,1 milioni riservato alle banche finanziatrici (che garantiranno anche nuove linee di credito per 41 milioni oltre alla conferma di quelle già esistenti per 200 milioni) mediante conversione di crediti e ad un aumento fino a 20 milioni riservato a servizio dell’emissione dei “loyalty warrant”, convocando il 23 e 30 settembre (in prima e seconda convocazione) l’assemblea per l’approvazione dei conti e per il rinnovo degli organi sociali in scadenza.

Indebitamento ridiscende sotto i 700 milioni

Sempre il Cda ha confermato la vendita delle società della divisione Oil & Gas al gruppo indiano Megha Engeneering & Infrastructures. L’indebitamento di Trevi a fine maggio era pari a 699,33 milioni netti (dai 702,94 milioni del mese precedente e ai 686,11 di fine dicembre 2018). Di questi 496,6 milioni risultavano debiti scaduti. A fine dicembre 2018 il patrimonio netto del gruppo risultava negativo per 148,1 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

Scudetto a rischio e coppe incerte: la Juve sale, frena la Lazio in borsa

La Serie A ripartirà il 20 giugno per evitare il crack

NEWSLETTER
Iscriviti
X