De-risking sotto l’ombrellone per le banche italiane

A
A
A
di Luca Spoldi 12 Agosto 2019 | 10:55

Prosegue il de-risking in giugno

A giugno prosegue il calo delle sofferenze lorde e nette nei bilanci delle banche italiane, che però registrano anche una decisa flessione dei prestiti concessi alle imprese italiane. E’ quanto emerge dall’ultimo numero del rapporto “Banche e Moneta” della Banca d’Italia.

Accelera contrazione prestiti alle imprse

In particolare, in valore assoluto le sofferenze lorde sono calate a giugno a 89,786 miliardi di euro dai 92,022 miliardi di fine maggio, mentre quelle nette sono scese a 31,591 miliardi dai 32,588 miliardi precedenti (dato rivisto). I prestiti alle imprese non finanziarie hanno tuttavia visto un ulteriore deciso calo: -0,9% rispetto al -0,2% segnato nel mese precedente.

Btp in portafoglio calano sotto i 390 miliardi

Su base annua, i depositi del settore privato sono cresciuti del 3,4% a 1.149,897 miliardi dai 1.130,932 miliardi di fine maggio, mentre la raccolta obbligazionaria calata diminuita del 4,9% (era in calo del 6,9% a maggio). Infine per quanto riguarda l’esposizione al rischio sovrano, i Btp detenuti dalle banche italiane si sono leggermente ridotti nel mese a 389,966 miliardi contro i 391,525 miliardi di fine maggio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, dividendi banche: il 23 luglio la Bce decide. I campioni del dividend yield

Investimenti: c’è del buono nelle banche italiane

Banche, c’è bisogno di un cambio di rotta

NEWSLETTER
Iscriviti
X