De-risking sotto l’ombrellone per le banche italiane

A
A
A
di Luca Spoldi 12 Agosto 2019 | 10:55

Prosegue il de-risking in giugno

A giugno prosegue il calo delle sofferenze lorde e nette nei bilanci delle banche italiane, che però registrano anche una decisa flessione dei prestiti concessi alle imprese italiane. E’ quanto emerge dall’ultimo numero del rapporto “Banche e Moneta” della Banca d’Italia.

Accelera contrazione prestiti alle imprse

In particolare, in valore assoluto le sofferenze lorde sono calate a giugno a 89,786 miliardi di euro dai 92,022 miliardi di fine maggio, mentre quelle nette sono scese a 31,591 miliardi dai 32,588 miliardi precedenti (dato rivisto). I prestiti alle imprese non finanziarie hanno tuttavia visto un ulteriore deciso calo: -0,9% rispetto al -0,2% segnato nel mese precedente.

Btp in portafoglio calano sotto i 390 miliardi

Su base annua, i depositi del settore privato sono cresciuti del 3,4% a 1.149,897 miliardi dai 1.130,932 miliardi di fine maggio, mentre la raccolta obbligazionaria calata diminuita del 4,9% (era in calo del 6,9% a maggio). Infine per quanto riguarda l’esposizione al rischio sovrano, i Btp detenuti dalle banche italiane si sono leggermente ridotti nel mese a 389,966 miliardi contro i 391,525 miliardi di fine maggio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, l’outlook sulle banche di Algebris

Banche, attive moratorie su prestiti per circa 44 mld di euro

Banche, ecco la mappa degli aiuti di Stato sui prestiti

NEWSLETTER
Iscriviti
X