Conto corrente, le banche alzano sempre più i costi

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Marzo 2020 | 10:43

Le banche tagliano i propri costi, aumentano i vostri

Mentre i vertici delle maggiori banche italiane continuano a dichiarare di voler procedere a nuovi tagli dei costi e riduzioni delle filiali e del personale, come da ultimo Unicredit, Ubi Banca e Banco Bpm, per i titolari di un conto corrente la ricerca di maggiore redditività portata avanti dagli istituti di credito ha un altro volto: l’incremento dei costi sopportati.

Oltre un quarto dei titolari di conto corrente ha visto rincari

Secondo un’indagine condotta per Facile.it da mUp Research e Norstat, infatti, sono circa 11 milioni, pari ad oltre un quarto del totale (26,8%) gli italiani titolari di conto corrente che, nel corso degli ultimi 12 mesi, hanno visto aumentarne i costi degli stessi. Il numero potrebbe tuttavia essere sottostimato visto che un altro 16,6% degli intervistati (6.800.000 di titolari di conto corrente) ha dichiarato di non sapere se i costi del proprio conto corrente siano o meno aumentati lo scorso anno.

Un 5% degli intervistati non ha un conto corrente

Infine, un dato “controcorrente” emerso dall’analisi: anche oggigiorno possedere un conto corrente sembra essere indispensabile, tanto più a fronte della guerra all’utilizzo del contante da parte del governo (che tiene sempre più d’occhio i conti correnti), c’è ancora chi riesce a farne a meno. Il 4,9% degli intervistati ha infatti dichiarato che nella propria famiglia non è presente alcun conto corrente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, quando le pressioni commerciali ti fanno finire in analisi

Deutsche Bank, una mano per le tartarughe

Banche: trimestrali ancora solide all’orizzonte. L’outlook di Equita

NEWSLETTER
Iscriviti
X