LIBRARY – Cos’è il conto corrente di base e a chi può interessare

A
A
A
di Redazione 15 Marzo 2017 | 14:01

Anche le banche italiane offriranno il conto base: permetterà di eseguire poche e semplici operazioni, avrà un canone “ragionevole” e per alcuni cittadini socialmente svantaggiati sarà gratuito.
E’ il risultato di una norma approvata venerdì 10 marzo 2017 dal Consiglio dei ministri in recepimento di una direttiva europea (2014/92/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014).

Come sarà
Il conto di pagamento, come definito dalla direttiva, è uno strumento usato per l’esecuzione di operazioni semplici quali, ad esempio, ricevere un bonifico o effettuare pagamenti. Non può essere utilizzato per operazioni di gestione del risparmio.
Il conto di base deve essere offerto da tutti i prestatori di servizi di pagamento che offrono alla propria clientela conti di pagamento e includere un numero predefinito di operazioni annue a fronte di un canone onnicomprensivo.
Il provvedimento sottolinea che il canone deve essere di ammontare “ragionevole” e in linea con la finalità perseguita dell’inclusione finanziaria. Accogliendo le indicazioni dei pareri parlamentari, il decreto ha esplicitato che tra i servizi offerti obbligatoriamente nel conto di base è compresa anche l’emissione della carta di debito.

Per chi sarà gratis
Con un decreto del Mef, sentita la Banca d’Italia, saranno individuate le fasce di consumatori socialmente svantaggiate a cui il conto di base deve essere offerto senza spese. In passato un accordo tra Poste e Bankitalia ha individuato i pensionati sotto i 18.000 euro e chi ha un Isee sotto gli 8.000.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti