Hai un co.co.co. o un contratto a progetto? Fai attenzione ai contributi

A
A
A
di Redazione 10 Giugno 2013 | 12:59

Anche in presenza di contratti di collaborazione il datore di lavoro è tenuto a versare i contributi. Ecco una guida per non avere brutte sorprese


SOLUZIONI INTEGRATIVE – Chi ha un contratto di collaborazione è saggio che provveda con una integrazione. Può farlo attraverso un fondo pensione aperto – offerto da Poste Italiane oppure dalle banche, dalle assicurazioni, dalle società di gestione del risparmio e dalle società di intermediazione mobiliare – oppure con un Pip – un Piano individuale pensionistico – realizzato dalle compagnie assicurative. Ai fondi aperti e ai Pip, che godono di vantaggi fiscali, può aderire chiunque, anche quei disoccupati che magari possono contare sul sostegno delle proprie famiglie mentre sono momentaneamente fermi.

I CONTRIBUTI PER I COLLABORATORI – Integrazione a parte, non tutti ancora oggi sanno che anche chi lavora con un contratto di collaborazione ha diritto ai contributi previdenziali da parte del datore di lavoro. E di questo tema parla Glauco Maggi nella sua rubrica sul quotidiano La Stampa lunedì 10 giugno. Quindi anche durante un co.co.co. o un co.co.pro. si maturano i contributi previdenziali e non solo – come erroneamente ancora oggi pensa qualcuno – con un contratto di lavoro di tipo subordinato (a tempo indeterminato o determinato). E se il datore di lavoro non li versa, allora vuol dire che c'è un problema: non si sta comportando in modo corretto.

FONDO COMPLEMENTARE – Per i lavoratori a tempo esiste anche il fondo complementare Fontemp, istituito dopo il contratto collettivo nazionale dei lavoratori in somministrazione, sottoscritto il 24 luglio 2008 dall'Associazione nazionale per le agenzie per il lavoro, dalla Federazione lavoratori somministrati autonomi atipici, dalla Nuove identità di lavoro e dalla Categoria nazionale dei lavoratori temporanei autonomi atipici e a partita Iva.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti