Riforma del condominio: le cose da sapere sulla figura centrale dell’amministratore

A
A
A
di Redazione 28 Maggio 2013 | 08:40

Conto alla rovescia per l’entrata in vigore il 18 giugno della riforma condominiale che, tra le altre cose, introduce numerose novità in materia di convocazioni e di registrazione del sito web condominiale


L’AMMINISTRATORE – Mancano pochi giorni alla riforma del condominio che entrerà in vigore il prossimo 18 giugno. Come fa sapere la Cgia di Mestre, saranno 31 i nuovi articoli che andranno a regolare le discipline di condominio, con novità in materia di convocazioni e di registrazione del sito web condominiale. La riforma interessa soprattutto gli amministratori condominiali.

ANAGRAFE CONDOMINIALE – Quest’ultimi, infatti, saranno obbligati a compilare il registro dell’anagrafe condominiale, dove verranno annotate le generalità dei singoli proprietarie dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprenso dil codice fiscale e della residenza o domicilio dei medesimi, nonché i dati catastali di ciascuna unità immobiliare e le informazione sulle condizioni di sicurezza.

RECUPERO CREDITI – Inoltre, l’amministratore avrà l’obbligo di attivarsi per il recupero forzoso del credito verso i condomini morosi entro 6 mesi dalla chiusura dell’esercizio contabile nel quale lo stesso è compreso, salvo essere dispensato dalla maggioranza assembleare.

LE ALTRE NOVITA’ – Tra le altre novità introdotte dalla riforma condominiale ricordiamo che non si potrà più vietare di possedere o detenere animali domestici. Inoltre, chi vuole potrà “staccarsi” dall’impianto centralizzato di riscaldamento senza l’approvazione dell’assemblea.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti