C’è ancora tempo per pagare la Tares: la prima rata slitta ad aprile

A
A
A
di Redazione 17 Dicembre 2012 | 13:57

Dopo una nottata in Commissione Bilancio del Senato, la legge di stabilità è cambiata, facendo slittare a dopo le elezioni politiche la prima rata della nuova tassa sui rifiuti e servizi.
 


UNA NUOVA TASSA – I rifiuti diventano più cari. Ma a partire da aprile, non più da gennaio come inizialmente previsto. Dopo una nottata in Commissione Bilancio del Senato, la legge di stabilità è cambiata, facendo slittare a dopo le elezioni politiche la prima rata della nuova tassa sui rifiuti e servizi, la Tares, che sostituirà la vecchia Tarsu o Tia con l’obiettivo d semplificare e portare sotto lo stesso ombrello le diverse tasse dei servizi comunali e sarà esentata da Iva.

COME FUNZIONA – La Tares si applicherà non solo a proprietari di immobili, ma a tutti coloro che “occupano o detengono locali o aree scoperte”. La tassa sarà comunale e spetterà quindi ai vari comuni in un secondo momento decidere eventuali “sconti” o esenzioni. In sostanza però si pagherà di più, con rincari di circa 30 centesimi per metro quadro rispetto all’attuale tassa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti