Arriva il decreto Scorte. Cosa prevede e perché potrebbe ridurre i prezzi del carburante

A
A
A
di Redazione 28 Novembre 2012 | 09:27

Un cambiamento ci potrebbe essere con il decreto vagliato dal pre-consiglio dei ministri in vista della riunione di governo convocata per venerdì
 


NASCE L’OCSIT – Prezzi della benzina troppo alti? La svolta potrebbe arriva dal decreto Scorte, vagliato dal pre-consiglio dei ministri in vista della riunione di governo convocata per venerdì. La mossa (forse) potrebbe ridurre finalmente i prezzi del carburante. Si prevede prima di tutto la centralizzazione della gestione delle scorte, ora in mano alle compagnie petrolifere. Nascerà dunque l'Ocsit (organismo centrale di stoccaggio italiano) affidato all'Acquirente unico, che già coordina gli approvvigionamenti di elettricità per il mercato tutelato.

LA NUOVA BORSA – Sarà inoltre istituita la “Borsa dei carburanti”, che rappresenterà una sorta di piattaforma di mercato che faciliti l'incontro tra domanda e offerta all'ingrosso di prodotti petroliferi liquidi per autotrazione. A gestire direttamente la nuova Borsa sarà comunque il Gme, il gestore dei mercati energetici che manovra con buona maestria la borsa elettrica italiana e la nascente borsa del gas.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti