Esenzione Tasi inquilini: chi non paga

A
A
A
di Redazione 10 Giugno 2016 | 07:11

Per non pagare gli inquilini devono avere la residenza? Facciamo chiarezza in vista della scadenza dell'acconto

Si avvicina il termine per il pagamento dell’acconto Tasi 2016 per le seconde case, previsto per il 16 giugno. La scadenza riguarda sia proprietari che inquilini. Questi ultimi però se trasferiscono la residenza non sono tenuti al pagamento. La loro situazione infatti è stata equiparata in questi casi a quella dei proprietari di prima casa.

QUANTO SI PAGA – Gli inquilini che non hanno trasferito la residenza nell’immobile, spiega InvestireOggi.it, devono versare una cifra che va dal 10 al 30% dell’ammontare complessivo. Dal 1° gennaio 2016 è esclusa la Tasi per “unità immobiliari destinate ad abitazione principale dal possessore, nonché dall’utilizzatore e dal suo nucleo familiare, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9”.

TASI E FALSA RESIDENZA – Attenzione però alle false residenze. Per i nuclei familiari che dichiareranno residenze separate l’Agenzia delle Entrate ha infatti predispost dei controlli anti evasione e in caso di false residenze saranno applicate delle multe.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, Cina vs Taiwan: tutti gli scenari

Investimenti immobiliari: Milano fuori dalla bolla internazionale

Sotheby’s segnala un boom per le case di lusso in Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X