Fondi pensione, versamenti sospesi in un quarto dei casi

A
A
A
di Redazione 10 Giugno 2016 | 06:55

Secondo i dati del Covip, lo scorso anno risultavano iscritti a una qualche forma di previdenza complementare 7,2 milioni di lavoratori italiani

Confermata la crescita della previdenza integrativa anche nel 2015. Secondo i dati del Covip, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, lo scorso anno risultavano iscritti a una qualche forma di previdenza complementare 7,2 milioni di lavoratori italiani, +12,1% sul 2014.

I DATI – E, tuttavia, ben un quarto ha sospeso i versamenti: 1,8 milioni contro gli 1,6 milioni dell’anno precedente. Il tasso di sospensione riguarda il 45% dei lavoratori autonomi e il 18% di quelli dipendenti. Nel dettaglio delle cifre, 5,2 milioni sono i lavoratori dipendenti iscritti alla previdenza complementare, 1,9 milioni i lavoratori autonomi e 174.000 i dipendenti pubblici. Fra quanti hanno effettuato i versamenti nel corso del 2015, il tasso di adesione si attesta al 24,2%. Il tasso arriva al 31% tra i dipendenti del settore privato, scendendo al 19% tra quelli autonomi e ad appena il 5,2% tra quelli pubblici. Percentuali sensibilmente più contenute tra i giovani, le donne e al Sud.

RENDIMENTI BATTONO TFR – Il patrimonio gestito dai fondi previdenziali è arrivato a 140 miliardi, in crescita su base annua di 13,5 miliardi (di cui il 60% riguardante le forme di gestione collettiva). Il fondo per i lavoratori del settore edile, Prevedi, con 507.000 iscritti risulta il più grande in Italia, superando anche Cometa del settore metalmeccanico. Al netto dei costi di gestione e delle imposte, il rendimento medio è stato nel 2017 del 2,7% per i fondi negoziali, del 3% per i fondi aperti e del 3,2% per i Pip (piani individuali pensionistici) nuovi. Ancora una volta, i fondi pensione battono così il Tfr, la cui rivalutazione netta è stata di appena l’1,2%. In totale, i fondi pensione sono 469, ma 248 hanno meno di 1.000 iscritti e appena 12 superano quota 100.000, pur rappresentando questi ultimi oltre la metà dell’intera platea.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X