Irpef, il 5% degli italiani paga solo un terzo

A
A
A
di Redazione 1 Aprile 2016 | 07:26

La metà dei contribuenti italiani dichiara un reddito sotto i 15.000 euro. È ciò che emerge dalle dichiarazione dei redditi 2014 diffuse dal Ministero del Tesoro.

Secondo i dati forniti dal Ministero del Tesoro sulle dichiarazioni relative al 2014, l’anno dell’esordio del 730 precompilato, la metà dei contribuenti italiani dichiara un reddito inferiore a 15.000.

PAGARE L’IRPEF – La metà dei contribuenti italiani dichiara un reddito sotto i 15.000 euro, è ciò che emerge dalle dichiarazione dei redditi 2014 diffuse dal Ministero del Tesoro. Nella fascia tra i 15.000 e i 50.000 euro si posiziona il 49% dei contribuenti: sono loro a sostenere il 57% dell’Irpef totale. Solo il 4% dei contribuenti dichiara più di 50.000 euro, ma versa il 35% dell’Irpef totale. I soggetti con un reddito complessivo maggiore di 300.000 euro sono anche tenuti al pagamento del contributo di solidarietà del 3% sulla parte di reddito eccedente tale soglia: si tratta di circa 31.700 soggetti (0,1% del totale contribuenti), per un ammontare complessivo d i 276 milioni di euro (circa 9.043 euro in media).

I CONTRIBUENTI – Imprenditori: Nel 2014 il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è stato pari a 18.280 euro. Il Tesoro, nel diffondere i dati, ribadisce che per “imprenditori” nelle dichiarazioni Irpef si intendono i titolari di ditte individuali, “escludendo pertanto chi esercita attività economica in forma societaria, inoltre la definizione di imprenditore non può essere assunta come sinonimo di “datore di lavoro” in quanto la gran parte delle ditte individuali non ha personale alle proprie dipendenze”. Reddito dipendenti e pensionati: il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è stato nel 2014 pari a 20.520 euro, è diminuito dello 0,4%; il reddito medio dei pensionati è stato invece pari invece a 16.700 euro, in calo dello 0,3%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X