Fondi pensione, il tetto di deducibilità si può superare senza perdere i vantaggi fiscali

A
A
A
di Marco Muffato 13 Gennaio 2016 | 10:41
I lavoratori al primo impiego, a partire dal 1 gennaio 2007, e con più di 5 anni di permanenza nella forme di previdenza complementare, possono dedurre dal reddito i contributi eccedenti il limite di 5.164,57 euro
 

Domanda. Quali sono i casi in cui si possono versare contributi al fondo pensione che superino il tetto di deducibilità senza però perdere i vantaggi fiscali?
G. M., Milano
 
Risposta. Se si è al primo impiego, iniziato almeno il 1 gennaio 2007 e si sono superati cinque anni di permanenza nelle forme di previdenza complementare, si può dedurre dal reddito complessivo i contributi eccedenti il limite di 5.164,57 euro per un importo pari alla differenza positiva tra l'importo di 25.822,85 euro e i contributi effettivamente versati nei primi cinque anni di partecipazione alle forme pensionistiche, e comunque per un importo non superiore a 2.582,29 euro annui (quindi il tetto massimo diventa in questi casi 7.746,86 euro annui). Altro caso è quando si desidera effettuare versamenti che reintegrino somme di cui si è beneficiato a titolo di anticipazione. In questo caso, sui contributi che reintegrano e che eccedono il limite di 5.164,57 euro è previsto il riconoscimento di un credito di imposta parametrato all'imposta scontata sull'anticipazione.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti