E’ possibile continuare a pagare il mutuo estinguendo il conto corrente collegato. Ecco perché  

A
A
A
di Marco Muffato 20 Novembre 2015 | 07:00

Un lettore si è visto negare dalla sua banca la possibilità di estinguere il conto corrente che era utilizzato per rimborsare il prestito. Ma è un arbitrio a cui può opporsi sulla base della normativ in vigore

Domanda. Ho un mutuo che pago con addebito in conto corrente della banca presso cui ormai ho solo quel rapporto. Vorrei estinguere il conto e trasferire l'addebito presso un’altra banca ma mi è stato risposto che il contratto di mutuo prevede quella modalità esclusiva e quindi non posso utilizzare altri metodi di pagamento.
M.C., Verona
 
Risposta. Il lettore è vittima di un vecchio comportamento delle banche che, tramite il contratto di mutuo, obbligavano il debitore a pagare le rate mediante addebito su un conto corrente dell'istituto stesso. In questa maniera l'istituto gonfiava il numero dei rapporti accesi e poteva anche addebitare le relative spese. Da alcuni anni a questa parte la situazione si è risolta perché una simile pratica è stata finalmente considerata scorretta. Il Decreto Legge numero 201/2011 (il cosiddetto Decreto “Salva Italia”) del 6 dicembre 2011, convertito il successivo 22 dicembre nella legge numero 214, all'articolo 36 bis ha previsto che il Codice del Consumo fosse dotato di un nuovo comma, precisamente il 3 bis dell'articolo 21 il quale recita così: “E' considerata scorretta la pratica commerciale di una banca, di un istituto di credito o di un intermediario finanziario che, ai fini della stipula di un contratto di mutuo, obbliga il cliente alla sottoscrizione di una polizza assicurativa erogata dalla medesima banca, istituto o intermediario ovvero all'apertura di un conto corrente presso la medesima banca, istituto o intermediario." Riguardo i mutui stipulati anteriormente all'entrata in vigore del provvedimento, invece, la banca può farsi forte solo nel caso in cui ci sia un vero e proprio impegno del cliente a pagare mediante addebito su un conto dell'istituto stesso. Anche tale pratica potrebbe comunque essere considerata scorretta e l'Antitrust potrebbe ancora dire la sua. Se proprio non riuscisse a risolvere, il lettore potrebbe almeno ottenere l'esenzione totale dalle spese di tenuta di un conto praticamente immobile.
 
Sportello Credito, Risparmio & Assicurazioni è una rubrica riservata alle domande dei lettori in materia di investimenti finanziari, servizi bancari e assicurativi. Le domande vanno inoltrate al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]
 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche fallite, il fondo di garanzia non paga il depositante che ha ricevuto interessi troppo alti

Ti hanno lasciato un’eredità? Per saperlo consulta il Registro dei testamenti

La fiscalità di chi opera in strumenti finanziari su un conto titoli all’estero

NEWSLETTER
Iscriviti
X