Banca Etruria, tutti assolti gli imputati

A
A
A
di Marco Barlassina 1 Dicembre 2016 | 11:34

“Il fatto non sussiste” è la formula usata dal gup del tribunale di Arezzo Annamaria Loprete che ha assolto l’ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, l’ex dg Luca Bronchi e il direttore centrale Davide Canestri imputati per ostacolo alla Vigilanza. I pm Roberto Rossi e Julia Maggiore avevano chiesto due anni e 8 mesi per Fornasari e Bronchi e due anni per Canestri. Bankitalia, unica parte civile ammessa, aveva chiesto un risarcimento danni per 320 mila euro.

L’accusa riguardava l’operazione relativa alla cessione di immobili, in particolare quelle della società Palazzo della Fonte, una di quelle sulle quali gli ispettori di Bankitalia avevano segnalato possibili criticità di rilevanza penale nel bilancio 2012. “Il fatto non costituisce reato” è invece la formula usata dal gup per il capo d’imputazione relativo ai presunti crediti deteriorati. L’accusa era sostenuta dal procuratore della repubblica di Arezzo Roberto Rossi e dal pm Julia Maggiore.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Così saranno decisi i rimborsi agli obbligazionisti delle banche venete, di Etruria, Banca Marche, ecc…

Fondo di solidarietà per gli investitori: gli indennizzi non sono tassabili

A Ubi basta un euro per Etruria, Banca Marche e CariChieti

NEWSLETTER
Iscriviti
X