Non arriva la comunicazione per pagare l’assegno scoperto? L’iscrizione al CAI è inevitabile

A
A
A
di Marco Muffato 15 Settembre 2015 | 06:52

Il lettore non avverte la banca del cambio di residenza e non avendo ricevuto la comunicazione della banca di pagamento assegno in seconda presentazione si ritrova iscritto alla Centrale Allarmi Interbancaria, senza poter sanare la sua situazione

DOMANDA. Ho colpevolmente dimenticato di avvisare la banca del cambio di residenza e quindi non mi è arrivata al nuovo indirizzo una comunicazione di pagamento assegno in seconda presentazione. Non ho, conseguentemente, potuto sanare pagando la penale del 10% e le spese. Mi ritrovo iscritto al CAI (la Centrale Allarmi Interbancaria. N.d.R.) e senza poter emettere assegni per sei mesi. Non c'è modo di rimediare?
C.G., Firenze

RISPOSTA. Purtroppo no, perché la legge 386/90 è molto chiara e all'articolo 9-bis, nel disciplinare il preavviso di iscrizione, prevede che la comunicazione al cliente è effettuata presso il domicilio eletto entro il decimo giorno dalla presentazione al pagamento del titolo, mediante telegramma o lettera raccomandata con avviso di ricevimento, ovvero con altro mezzo concordato tra le parti di cui sia certa la data di spedizione e quella di ricevimento. Al quarto comma del citato articolo si specifica che la comunicazione si dà come effettuata ove emerga l'impossibilità di eseguirla presso il domicilio eletto. La dimenticanza è, quindi, insanabile.

Sportello Credito, Risparmio & Assicurazioni è una rubrica riservata alle domande dei lettori in materia di investimenti finanziari, servizi bancari e assicurativi. Le domande vanno inoltrate al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche fallite, il fondo di garanzia non paga il depositante che ha ricevuto interessi troppo alti

Ti hanno lasciato un’eredità? Per saperlo consulta il Registro dei testamenti

La fiscalità di chi opera in strumenti finanziari su un conto titoli all’estero

NEWSLETTER
Iscriviti
X