Jobs Act, per la cassa integrazione scatta il tetto a 24 mesi

A
A
A
di Redazione 8 Luglio 2015 | 08:51

Verrà annullata la cassa integrazione in deroga e per le cig ordinaria e straordinaria verrà ridotta o dimezzata

Secondo il decreto contenuto nel Jobs Act, viene confermato che la cassa integrazione in deroga verrà annullata entro il prossimo anno, mentre rimarranno la cassa integrazione ordinaria e straordinaria.

COSA CAMBIA InvestireOggi.it spiega che a variare sarà la durata, ridotta e per alcune categorie di lavoratori dimezzata: per i lavoratori del sud e o ultracinquantenni sarà di 24 mesi nel quinquennio e per i lavoratori edili 30 mesi. Mentre si alza nel caso in cui ci sia l'utilizzo per un anno dei contratti di solidarietà a 36 mesi. Per le aziende con trattative di cessione che prevedono il riassorbimento dei lavoratori in cassa integrazione, usufruiranno di un aggiuntivo bonus di 6 mesi.

ALIQUOTE DI FINANZIAMENTO – Bonus-malus a seconda dell'utilizzo dell'ammortizzatore da parte delle aziende: aliquote basi scendono del 10%; aumentano al 9% nei primi 12 mesi di cig; aumentano del 12% se si prosegue per un altro anno; aumentano del 15% dai 24 ai 36 mesi; sparisce la cig per le aziende fallite; no cig per cessione attività

LA NASPI – Un'altra novità per le aziende con almeno 5 dipendenti che non possono usufruire della cassa integrazione, ma potranno usufruire di un sostegno al reddito a carico di un fondo di solidarietà presso l'Inps. Ottime notizie anche per la Naspi, la cui durata massima sarà di 24 mesi e sarà possibile usufruirne anche dopo il 2016.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Usa: lavoro e scorte di petrolio sotto i riflettori

Banche: Intesa prima in Europa per diversità e inclusione

Investimenti: attenzione alle dinamiche della domanda di lavoro

NEWSLETTER
Iscriviti
X