L’addebito diretto Sepa senza segreti. Ecco come opporsi e ottenere i rimborsi

A
A
A
di Marco Muffato 23 Marzo 2015 | 14:14

Le regole a favore di consumatori e imprese che usano il nuovo strumento di incasso europeo che ha sostituito il Rid per pagare utenze, rate dei prestiti o singole fatture commerciali

DOMANDA. A quali condizioni è possibile opporsi a un addebito diretto Sepa? E chiedere il rimborso di un'operazione già regolata?

RISPOSTA. L'addebito diretto Sepa (o Sdd), che sostituisce il precedente servizio di domiciliazione (Rid), è lo strumento di incasso a livello europeo, fondato su un accordo ("mandato") concluso tra il pagatore (debitore) e il beneficiario (creditore), mediante il quale il primo autorizza il secondo a disporre addebiti sul proprio conto corrente per pagamenti ricorrenti come le utenze o le rate di un prestito o singoli, nel caso di fatture commerciali o di un acquisto qualsiasi. Il cliente consumatore ha diritto di opporsi all'operazione di addebito diretto entro il giorno che precede la data di regolamento. Dopo tale data, se si tratta di un "Sdd Core" (addebito diretto Sepa utilizzabile indistintamente nei confronti di qualsiasi debitore, consumatore e non consumatore), il cliente può chiedere il rimborso entro otto settimane ma solo se al momento del rilascio del mandato l'autorizzazione non specifica l'importo dell'operazione di pagamento oppure se l'importo dell'operazione supera quello che il pagatore avrebbe potuto ragionevolmente aspettarsi alla luce del suo comportamento di spesa solito, delle condizioni del suo contratto quadro e delle circostanze del caso. È possibile un diverso accordo tra le parti. Se, invece, manca il mandato, il termine di opposizione è nei tredici mesi. Nel caso di addebito non "Core" (relativo alle imprese) la revoca è possibile entro il giorno precedente la data di operazione, altrimenti occorre il consenso della banca e del beneficiario.

Sportello Credito, Risparmio & Assicurazioni è una rubrica riservata alle domande dei lettori in materia di investimenti finanziari, servizi bancari e assicurativi. Le domande vanno inoltrate al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche fallite, il fondo di garanzia non paga il depositante che ha ricevuto interessi troppo alti

Ti hanno lasciato un’eredità? Per saperlo consulta il Registro dei testamenti

La fiscalità di chi opera in strumenti finanziari su un conto titoli all’estero

NEWSLETTER
Iscriviti
X