Tassi troppo bassi? Meglio puntare sui dividendi

A
A
A
di Redazione 12 Marzo 2015 | 11:04

Uno studio di AllianzGI rileva che, a partire dal 1970, il 40% dei rendimenti azionari europei è stato generato dai dividendi

I dividendi hanno rappresentato un fattore chiave nella performance degli investimenti nei contesti di bassi tassi di interesse reali. Lo dimostra lo studio "Dividendi al posto di bassi tassi di interesse" effettuato da Allianz Global Investors sugli ultimi 45 anni.

DIVIDENDI ELEVATI – Lo studio di AllianzGI rivela che le imprese europee riconoscono dividendi particolarmente elevati: nel 2014, il rendimento medio da dividendi dell’indice MSCI Europe è stato del 3,3%, generando un raro e storico divario tra i rendimenti da dividendi e quelli dei titoli di stato e societari europei. Al di fuori dell'Europa, altre regioni geografiche offrono rendimenti da dividendi superiori, in alcuni casi sensibilmente più elevati, rispetto ai titoli di Stato a 10 anni, tra cui Australia, Brasile, Nuova Zelanda e Norvegia.

STABILITA’ NEL PORTAFOGLIO – Allo stesso tempo, i dividendi hanno dimostrato la loro capacità di migliorare la stabilità e le performance reali di un portafoglio. In passato, soprattutto gli investitori in azioni europee hanno goduto della distribuzione di dividendi notevoli. Su un periodo rolling a 5 anni, i dividendi a partire dal 1970 hanno contribuito costantemente e positivamente alla performance dell’indice MSCI Europe, permettendo di compensare parzialmente o almeno mitigare (1970-1975, 2000-2005) gli effetti delle perdite a livello di prezzo delle azioni.

IL RENDIMENTO – I dividendi hanno rappresentato circa il 39% del rendimento annualizzato totale degli investimenti azionari per l'MSCI Europe per l'intero periodo dal 1970 al 2014. Hanno inoltre contribuito per più di un terzo alla performance totale in altre regioni, come il Nord America (MSCI North America) o in Asia-Pacifico (MSCI Pacific), anche se i rendimenti stessi da dividendo erano inferiori in termini assoluti.

IL VENTO A FAVORE – Nel 2015 de Vries-Hippen, Portfolio Manager del fondo Allianz European Equity Dividend, prevede un leggero “vento a favore” delle valutazioni delle azioni europee che più distribuiscono dividendi derivante dalla debolezza dell'euro, che dovrebbe avere un impatto favorevole sulle esportazioni in dollari statunitensi. L'aumento della domanda e maggiori guadagni per l’euro dovrebbero avere un impatto generale positivo sulla situazione economica in Europa. L'Italia, dove i dividendi azionari l'anno scorso hanno generato un rendimento medio di oltre il 3%, si è guadagnata una maggiore attenzione nel contesto attuale: "L'Italia è un Paese particolare quando si tratta di azioni che distribuiscono dividendi: non rappresentano certamente la maggioranza delle azioni italiane, ma ci sono alcune emittenti con modelli di business unici che offrono pagamenti di dividendi attraenti e affidabili”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X