Bonus lettura: Stato finanzia il 75% del prezzo dei libri e riviste

A
A
A
di Ettore Mieli 27 Febbraio 2015 | 07:53

Il bonus consentirebbe ai giovani di acquistare libri pagando il 25% del prezzo

Di fronte alla continua crisi dell’editoria, la Filiera della carta lancia la sua proposta: un bonus lettura. Si tratterebbe di un buono spesa per i giovani tra 18 e 25 anni, per acquistare libri, giornali o abbonamenti a riviste o quotidiani, pagando solo il 25% del prezzo mentre il 75% verrebbe pagato dallo Stato, fino ad un livello del contributo pubblico pari a 100 euro a testa.

POSSIBILE PLATEA – Considerando una percentuale del 50% di fruitori (su un totale di quasi 5 milioni di giovani tra 18 e 25 anni potenzialmente interessati), con il “bonus lettura” si prevede – spiega Alessandro Nova, dell’università Bocconi nella sua relazione all’incontro annuale della Filiera della carta, editoria, stampa e trasformazione – una domanda effettiva da 328,1 milioni per il settore, pari a un costo effettivo per lo Stato di 246,1 milioni. E in ogni caso la platea potenziale di 5 milioni di 18-25enni rappresenterebbe, sottolinea ancora Nova, “un “volano” sicuramente efficace nell’imprimere un impulso importante allo sviluppo di un maggior livello culturale dei (potenziali) lettori”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ugo Mursia Editore in crisi, tra i creditori anche Mps

Intesa Sanpaolo sale sul Palco

RCS a 99 centesimi dopo gli ultimi rilanci

NEWSLETTER
Iscriviti
X