Serve il nuovo riccometro per il “bonus bebè”

A
A
A
di Redazione 8 Gennaio 2015 | 09:53

Isee 2015 al debutto ufficiale e a testarlo saranno le mamme che intendono avvalersi del cosiddetto “bonus bebè”

Tra le tante novità fiscali al debutto quest’anno c’è il nuovo Isee 2015. Servirà, per esempio, per richiedere il “bonus bebè”.

ISEE OBBLIGATORIO – Per ottenere il pagamento (anche tramite l’erogazione di appositi voucher) dei servizi di asilo nido o baby sitting, è infatti obbligatorio essere in possesso di una dichiarazione di situazione economica equivalente valida in base alla nuova disciplina; in caso contrario, non sarà possibile neppure presentare l’istanza. A chiarirlo è stata direttamente l’Inps, tramite il messaggio n. 28 del 2015, diffuso nei giorni scorsi.

QUALE BONUS BEBE’ – Per non creare equivoci bonus bebè in questione è quello sancito dalla Riforma Fornero (legge 92 del 2012) e che consiste in uno “scambio” possibile per le madri lavoratrici, che in cambio di tutto o parte del loro periodo di congedo parentale, possono ottenere un sussidio (fino a 600 euro mensili per un massimo di 6 mesi). Il bonus in questione è legato al godimento di servizi per l’infanzia, tramite asili nido o baby sitter.

PER I MINORENNI – Nello specifico, le domande per il bonus bebè 2015 potrà essere presentata sì dal 1 gennaio fino al 31 dicembre di quest’anno, ma sarà necessario essere in possesso di una dichiarazione Isee valida secondo le nuove regole, con particolare riferimento al cosiddetto “Isee minorenni”: per ottenerlo va compilata e presentata la Dsu (dichiarazione sostitutiva unica) all’ente che fornisce la prestazione (in questo caso l’Inps), esclusivamente in via telematica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X