Proprietari deceduti, chi paga il saldo dell’Imu?

A
A
A
di Redazione 29 Ottobre 2014 | 15:23

Si avvicina la scadenza del saldo dell’Imu prevista per questo dicembre. Ecco come comportarsi se il proprietario è deceduto


Se la proprietaria dell’immobile è deceduta, come si procede per il versamento del saldo Imu di dicembre? In caso di successione, spiega il sito Casa&Clima, l’obbligo di pagamento delle imposte ricade sugli eredi a partire dalla data dell’apertura della successione, ossia, così come è stabilito dall’articolo 456 del Codice civile, a partire dalla data della morte dell’ex proprietario.

QUOTE IN EREDITA’ – Il momento di presentazione della dichiarazione di successione non rileva a proposito di questa data. Quindi gli eredi saranno tenuti a provvedere al pagamento dell’Imposta Municipale Unica a proprio nome e in base alle quote che hanno ereditato a partire dal mese nel quale hanno ereditato, considerando che nel caso dell’Imu il possesso si considera per l’intero mese se si protrae per un periodo di più di 15 giorni.

LEGGI ANCHE: "Tasi, cosa succede se l’inquilino non paga la sua parte"

NOME DEL DEFUNTO – Se la morte è avvenuta entro il 15 del mese gli eredi devono quindi considerare il mese per intero. In caso contrario il pagamento deve essere fatto a nome del defunto compreso il mese in cui si è verificato il decesso. In ogni caso l’F24 a nome del defunto va compilato da uno qualunque degli eredi che dovrà indicare il suo codice fiscale nella casella "coobbligato".

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X