Quixa: cresce il ricorso al web da parte degli assicurati

A
A
A
di Amelia Zonta 12 Settembre 2014 | 07:45

Secondo la ricerca Stetoscopio, il web è essenziale per i clienti delle assicurazioni. Ecco allora che Quixa rinnova il proprio sito

ASSICURAZIONE ONLINE – Sempre più italiani cercano l'assicurazione online. A rivelarlo è la ricerca "Stetoscopio – Il sentire degli italiani", curata da Quixa, che ha analizzato in modo particolare i motivi per i quali gli utenti visitano i siti delle compagnie dirette. La prima ragione è l'esplorazione alla ricerca della polizza più conveniente: il 42% degli intervistati calcola preventivi online. Seguono coloro che sono alla ricerca di informazioni generali, pari al 27%, mentre il 19% degli utenti utilizza il sito web per acquistare direttamente online la polizza.

UN NUOVO SITO PER QUIXA – L'11% degli utenti consulta online il fascicolo informativo e le caratteristiche della propria assicurazione. Infine, nonostante solo il 4% abbia dichiarato di aver utilizzato il sito della propria compagnia per seguire le pratiche relative a un sinistro, l’indagine rivela che una percentuale più alta (il 10%) sarebbe potenzialmente interessata a consultare le informazioni sull’andamento del proprio sinistro direttamente online, un servizio che Quixa rende disponibile nell’area personale MyQuixa.
 
LE PAGINE PERSONALI – Per migliorare ulteriormente la qualità dell’esperienza online dei propri clienti, Quixa ha rinnovato il suo sito web con interventi studiati per potenziarne le funzionalità e renderne ancora più semplice l’utilizzo. Inoltre, per consentire ai propri clienti una gestione pratica e veloce della propria polizza, la compagnia ha rinnovato anche l’area personale MyQuixa. Il restyling è stato realizzato in collaborazione con Kettydo, parte del gruppo Double.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, dopo la Brexit arriva il “Big Bang”

Consulenti, l’Italia non è un paese per polizze

Polizze, il superbonus può essere un problema

NEWSLETTER
Iscriviti
X