Da fine luglio card più convenienti

A
A
A
di Redazione 24 Giugno 2014 | 08:08

Commissioni diverse sia per il tipo di carta di credito, sia per gli importi

CARTE ELETTRONICHE – Da fine luglio entrerà in vigore un nuovo provvedimento pubblicato a fine marzo in Gazzetta dal ministero dell’Economia e delle Finanze dal titolo “commissioni distinte per ciascuna tipologia di carte di pagamento (di debito, di credito, prepagate), importi differenziati per le commissioni applicate agli esercenti e revisione periodica delle stesse”. Lo scrive il sito Lettera43.it. Lo scopo del provvedimento è chiaro: incentivare l’uso di carte elettroniche per ridurre l’evasione fiscale e aumentare la trasparenza nei pagamenti. Inoltre, diventa obbligatorio per gli esercenti fare una distinzione ed esibire le commissioni da applicare per ciascuna tipologia di carte di pagamento (di debito, di credito, prepagate, eccetera), considerando i diversi circuiti di riferimento e le specifiche caratteristiche funzionali delle carte.

DUE LIVELLI DI COMMISSIONI – Prima di tutto, ci saranno due livelli di commissioni: sopra e sotto i 30 euro di spesa. Questo provvedimento incentiverà l’utilizzo delle carte anche per piccole spese, strumento particolarmente odiato in questi casi. Il nuovo provvedimento prevede di ridurre gli accorpamenti imposti dalle banche per cui esiste sempre la stessa commissione per qualunque tipo di transazione. Da fine luglio, conclude Lettera43, dovranno esistere commissioni diverse per ciascun circuito, sconti per i clienti più fedeli che sono da più anni con la stessa banca e commissioni differenziate per carte di debito, prepagate o di credito. Inoltre le commissioni saranno definite tenendo conto delle economie di scala dell’esercente, dei volumi delle transazioni eseguite, tutti prezzi che dovranno essere rivisti almeno annualmente. Per i pagamenti di importo non superiore ai 30 euro si applicheranno commissioni inferiori a quelle generalmente applicate alle transazioni con carte e la gratuità delle commissioni per pagamenti con carta di importo inferiore ai 100 euro presso gli impianti di distribuzione carburanti non avrà più effetto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco come sfruttare il prossimo boom dei consumi

Investimenti, aerei: carburanti sostenibili pronti al decollo

Te la do io l’America, ora i consumatori cinesi preferiscono i brand domestici

NEWSLETTER
Iscriviti
X