In Italia aumenta il rischio di povertà tra i giovani

A
A
A
di Amelia Zonta 20 Giugno 2014 | 08:47

Il 10% dei più ricchi possiede dieci volte tanto rispetto al 10% della popolazione più povera. Lo dice l'Ocse

RICCHI E POVERI – In Italia il 10% più ricco della popolazione detiene il 24,4% del reddito nazionale disponibile, dieci volte superiore a quello detenuto dal 10% più povero, fermo al 2,4% del reddito nazionale. Lo riferisce uno studio Ocse basato su dati del periodo compreso tra il 2011 e il 2012. Il divario è alto, oltre i 30 punti percentuali, anche tra il 20% più ricco, che nel periodo esaminato ha incamerato il 39,3% del reddito nazionale disponibile, e il 30% più povero, che si è fermato al 7,1%. In più, negli ultimi 30 anni il rischio povertà per gli anziani è calato, ma è aumentato quello per le fasce più giovani della popolazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azionario europeo l’opzione più interessante per un reddito resiliente

La crisi da Covid-19 genera un’ondata di nuovi poveri

Covid19: Usa, Cina e Italia pronte a distribuire bonus

NEWSLETTER
Iscriviti
X