Tariffe del telefono più economiche nel 2014 e l’adsl viaggia a 20 mega

A
A
A
di Andrea Barzagni 23 Maggio 2014 | 06:30

Le tariffe del telefono saranno più economiche nel 2014 grazie soprattutto alle chiamate verso i cellulari illimitate: intanto l’adsl va più veloce a 20 mega

Cambia lo stile di vita degli italiani con inevitabili ripercussioni sui consumi. Sebbene la crisi abbia messo a dura prova gli italiani, spingendoli ad operare continui tagli alle spese e a fare continue rinunce, sembra che la telefonia continui a resistere. In modo particolare resiste, e soprattutto si rafforza, la richiesta di connessione alla rete, diventata uno dei requisiti più apprezzati dai consumatori. Le proposte in tal senso non mancano e gli interessati possono trovare la formula adatta alle proprie esigenze mettendo le tariffe di ADSL proposte dai vari operatori a confronto, individuando così la formula più vicina più conveniente.

 Una tendenza confermata anche dai risultati dell’ultima indagine dell’Osservatorio SuperMoney, l’unico portale online per la comparazione delle tariffe di telefono e adsl accreditato dall’Agcom. Rispetto al 2013, secondo gli analisti di SuperMoney, le offerte per chiamare da casa verso i cellulari sono diventate più economiche ed si è verificato inoltre un vero boom di tariffe “tutto compreso”, che includono minuti illimitati verso tutti gli operatori mobile. Navigare su Internet poi sarà più veloce per i clienti di Infostrada e Vodafone.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le tariffe del telefono più convenienti mettendo a confronto le offerte di maggio 2013 con quelle di maggio 2014. Un anno fa, se volevi chiamare verso i cellulari da telefono fisso potevi abbonarti a Fastweb o a Tiscali che regalavano ai clienti rispettivamente 60 e 1000 minuti gratis verso tutti gli operatori mobile. Vodafone e Infostrada, invece, includevano nella tariffa chiamate illimitate solo per le sim della stessa compagnia (quindi Vodafone e Wind). Telecom e TeleTu, invece, proponevano una tariffazione a consumo vecchio stile con scatto alla risposta più prezzo al minuto. Se volevi navigare almeno a 20 Mega, invece, dovevi affidarti per forza a Fastweb, Telecom o Tiscali, mentre gli altri operatori non superavano gli 8 Mega. Una bolletta media annua era sui 420 euro.

Nel 2014, però, cambia tutto e fioccano le tariffe per il telefono per chiamare verso i cellulari illimitatamente. Hanno optato per questa formula Tiscali con “Tutto incluso full”, Infostrada con “All inclusive unlimited”, Vodafone con “Adsl e telefono completo” e Telecom Italia con l’offerta “Tutto”. In pratica adesso si può chiamare verso i telefonini di tutti gli operatori quanti minuti si vuole e senza scatto alla risposta. Un bel risparmio, ma non per i clienti Fastweb e TeleTu che hanno a disposizione soltanto 60 e 120 minuti di chiamate gratuite. L’adsl però viaggia a 20 Mega un po’ per tutti tranne che per gli utenti TeleTu fermi ancora a 7 mega. Attivando una di queste tariffe si potrà risparmiare in media 33 euro l’anno rispetto al 2013, ma dipende ovviamente da quanto si paga attualmente. "Gli operatori hanno probabilmente compreso che l’unico modo per salvare il telefono di casa era liberarlo dalla competizione col cellulare", commenta Andrea Manfredi, amministratore delegato di SuperMoney. "I pacchetti tutto incluso sono sicuramente più apprezzati dai consumatori, che possono usufruire dei servizi con maggiore flessibilità".

"È probabile che nei prossimi mesi assisteremo a una ulteriore convergenza dei servizi offerti nel campo delle utilities, basti pensare a quanto il nostro Paese sia in ritardo, ad esempio, sui pacchetti bundle che comprendono anche la tv", continua Manfredi. "Si va verso una maggiore comodità per gli utenti, i quali faranno comunque bene a mantenere gli occhi aperti sui costi reali delle proposte dei provider". Per scegliere la migliore tariffa per telefono e adsl, in conclusione, bisogna innanzitutto interrogarsi sui propri bisogni di utente e quindi confrontare le offerte più convenienti sul mercato. Prima di accettare la proposta però controllate bene tutte le clausole contrattuali con attenzione particolare ai costi aggiuntivi e alle penali in caso di recesso dal contratto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco come sfruttare il prossimo boom dei consumi

Investimenti, aerei: carburanti sostenibili pronti al decollo

Te la do io l’America, ora i consumatori cinesi preferiscono i brand domestici

NEWSLETTER
Iscriviti
X