Immobiliare, cresce l’interesse degli acquirenti esteri

A
A
A
di Amelia Zonta 21 Marzo 2014 | 07:00

Nel 2013 le richieste sono cresciute del 38%, con una buona partenza del 2014. L'estero rappresenta una chance molto importante anche per l'immobiliare


ITALIA MON AMOUR – L’interesse degli stranieri per l’Italia rappresenta una chance importante non solo per il turismo, ma anche per il mercato immobiliare. È quanto risulta dall’analisi di Gate-away.com, portale web per la ricerca di immobili in Italia interamente rivolto agli acquirenti esteri. Il mercato turistico conferma l’attrattività del nostro Paese oltre confine: nel 2013 sono gli arrivi dall’estero ad aver ‘salvato’ un anno difficile per il comparto, segnato dal calo del turismo interno. Al primo posto tra i Paesi di provenienza resta la Germania, che dimostra un alto interesse anche per l’acquisto di un immobile in Italia: nel 2013, sul totale delle richieste pervenute a Gate-away.com, quasi una su dieci è arrivata dalla Germania, che risulta così quarta tra 120 Paesi, con una crescita in linea con l’andamento complessivo. L’acquirente tedesco mostra interesse in particolare per la fascia medio-alta (512mila euro il valore medio dell’immobile) e sogna una casa soprattutto in Liguria, regione che nel 2013 ha sorpassato la Toscana nelle preferenze dei tedeschi. Seguono Puglia, Lombardia e Piemonte.

TOSCANA AL PRIMO POSTO – Ma tornando ai flussi turistici, è soprattutto dai Paesi extraeuropei che si attende una crescita nel 2014 (previsioni Ciset), in particolare dagli Stati Uniti, attualmente primo Paese extraeuropeo per le entrate. Gli Stati Uniti sono già il primo Paese in assoluto per numero di richieste pervenute a Gate-away.com (13,76% sul totale): qui è la Toscana la regione decisamente più desiderata (20% sul totale delle richieste dagli Usa), e a seguire Lombardia, Abruzzo, Liguria e Umbria, ciascuna con percentuali tra il 7 e il 9. Oltre a Stati Uniti e Germania, la crescita registrata da Gate-away.com riguarda anche Regno Unito e Francia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X