Sono 44 i Paesi pronti a scambiarsi informazioni fiscali

A
A
A
di Redazione 20 Marzo 2014 | 08:21

Ma non c'è fretta. La collaborazione effettiva non scatterà prima del 2017

SCAMBIO DI INFORMAZIONI – Sono 44 i Paesi che si sono impegnati a implementare il nuovo standard globale sullo scambio automatico di informazioni fiscali. La road map prevede che gli intermediari finanziari raccoglieranno le informazioni sia sui conti intrattenuti al 31 dicembre 2015 che su quelli aperti successivamente, mentre il primo scambio di informazioni tra autorità fiscali avrà luogo nel 2017. Tra gli Stati non figura la Svizzera, dove si annida gran parte dei capitali italiani detenuti illegalmente all’estero. L’elenco comprende Argentina, Belgio, Bulgaria, Colombia, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, India, Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Malta, Messico, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Regno Unito, le tre dipendenze della corona britannica (Isola di Man, Guernsey e Jersey), Anguilla, Bermuda, Isole Vergini britanniche, Cayman, Gibilterra, Montserrat, Turks e Caicos.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fisco, tutte le scadenze di fine mese

L’Imu costa il 160% in più dell’Ici

NEWSLETTER
Iscriviti
X