Il loft non fa più tendenza: cala la domanda (e quindi anche i prezzi)

A
A
A
di Redazione 6 Novembre 2013 | 10:27

Secondo un'indagine condotta dal portale Immobiliare.it, l’offerta continua a crescere ma il mercato non li ama più come un tempo.

IL MITO DEL LOFT – Il mito dei loft sembra essere piuttosto appannato e in meno di cinque anni i prezzi di questi immobili si sono ridotti fino all’11%. Secondo l’indagine condotta da Immobiliare.it (www.immobiliare.it) sul mercato dei loft in alcune delle più grandi città d’Italia, l’offerta in vendita cresce fino al 9% ma, al contempo, la domanda cala fino al 6%. Questo divario tra domanda e offerta produce una discesa dei prezzi a doppia cifra in tutto il Paese, appena più contenuta a Milano. Quali sono le ragioni di un calo di interesse così marcato? "I loft hanno rappresentato l’espressione maggiore del boom del mercato immobiliare degli scorsi anni", ha dichiarato Carlo Giordano, amministratore delegato di gruppo Immobiliare.it, "ma oggi gli italiani sono tornati a desiderare abitazioni più tradizionali. Non va sottovalutato anche un altro problema: essendo un immobile di natura commerciale, non ci si può prendere la residenza e, quindi, per il loft non è possibile ottenere un mutuo prima casa".

MEGLIO PER I PROFESSIONISTI – Alcune volte capita di leggere annunci di loft "residenziali", ma in quel caso si usa il termine in maniera impropria. L'accatastamento dei loft puro è nella categoria C3, ossia quella di "laboratori con permanenza di persone". Proprio per questi motivi, quella del loft è una tipologia di immobile più adatta a professionisti che la utilizzano sia come studio privato sia come abitazione, a patto, però, che non necessitino di un mutuo prima casa per comprarlo. Tornando ai risultati della ricerca, fra le città prese a campione i prezzi dei loft calano in maniera meno forte a Milano, dove la contrazione è pari al 6% rispetto al 2009.

MERCATO IN FLESSIONE – Va peggio a Roma e Bologna, con un calo del 10% rispetto al 2009; la riduzione più marcata è quella di Torino dove i prezzi richiesti per vendere un loft sono scesi dell’ 11%. A far scendere i prezzi anche l’aumento dell’offerta cresciuta soprattutto a Torino e Bologna, dove si toccano rispettivamente punte del +8% e +9%, grazie ai molti interventi di riqualificazione di ex poli industriali che – in tempi più recenti rispetto a Milano e Roma – hanno portato alla crescita della disponibilità di spazi che possono essere adibiti a loft. In ultimo una curiosità: forse perché gli spazi sono meno tradizionali rispetto a quelli classici di una casa, o perché sono più adatti a chi in casa passa meno tempo, ma a privilegiare il loft sono soprattutto gli uomini, che rappresentano il 57% della domanda.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: case, l’analisi e le previsioni di Banca d’Italia

Rendimenti delle abitazioni al 7,6% nel terzo trimestre, molto più dei Btp decennali

Una casa di proprietà costa cara, in media 11.304 euro all’anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X