Rate del mutuo, risparmi in arrivo dopo il taglio dei tassi della Bce

A
A
A
di Andrea Barzagni 16 Maggio 2013 | 14:36

La Bce ha ridotti i tassi di interesse dallo 0,75 allo 0,50%. In arrivo risparmi sulle rate di mutui e prestiti. La simulazione dell’osservatorio SuperMoney


L'EFFETTO DEL TAGLIO DEI TASSI – La scorsa settimana la Bce ha autorizzato una riduzione dei tassi d’interesse, facendoli scendere dallo 0,75 allo 0,50%. Questa mossa influirà sicuramente sui finanziamenti già attivi (e sui nuovi, qualora si riesca a ottenerne), mutui e prestiti abbassando gli importi delle rate. L’osservatorio SuperMoney, che permette ai consumatori di porre i finanziamenti migliori a confronto, ha ipotizzato la richiesta di 100mila euro concessi a un impiegato di 35 anni, residente a Milano, perché possa acquistare un immobile dal valore complessivo di 200mila euro. Le condizioni del prestito prevedono una restituzione dilazionata in rate mensili per un totale di 25 anni complessivi.

MUTUI E PRESTITI A CONFRONTO – Nel caso di un mutuo a tasso fisso, la rata oggi costerebbe 598,66 euro in luogo dei 632,74 euro previsti a maggio 2012. Oggi il Taeg sarebbe del 5,24% contro il precedente 5,81%. Se il mutuo fosse invece a tasso variabile, le rate verrebbero a costare 485,73 euro, con un Taeg del 3,22%, in netta diminuzione rispetto a un anno fa (rate da 505,46 euro l’una e Taeg al 3,59%).

MEGLIO APROFITTARNE – Il periodo, dunque sembra essere propizio per chi voglia bussare alle porte degli istituti di credito e richiedere un finanziamento, con la speranza che le riduzioni delle tariffe possano incentivare la ripresa del comparto creditizio. Dall’andamento dei mercati dei crediti dipende anche parte del successo dei settori che, direttamente o indirettamente, a esso si collegano e che stanno pagando le debolezze dei mercati dei finanziamenti.

A incidere in positivo sulla diminuzione delle rate tanto il taglio dei tassi autorizzato dalla Bce quanto la riduzione dello spread, passato dal 4-4,7% all’attuale 2,5-2,65%. In generale i tassi applicati ai mutui tra giugno 2012 e maggio 2013 sono sempre rimasti piuttosto stabili o comunque in calo di circa lo 0,24%. La congiuntura favorevole suggerirebbe che è il momento giusto per acquistare casa, ma l’atteggiamento delle banche – estremamente restie a concedere credito in un momento di crisi – rende tutto più complesso.

COME SCEGLIERE I MIGLIORI MUTUI – Prima di sottoscrivere la richiesta di un mutuo, dobbiamo sapere per quale finalità lo richiediamo, quindi per una nuova casa o per la sua ristrutturazione, per esempio. Ancora, dobbiamo sapere come calcolare la rata del mutuo, in modo da essere sicuri di poterlo pagare mensilmente senza problemi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti