Codacons, l’aumento dell’Iva vanificherebbe gli ultimi risparmi

A
A
A
di Redazione 29 Marzo 2013 | 15:19

Per l’associazione è "vitale scongiurare l'aumento dell'Iva dal 21% al 22% che determinerebbe un aumento dell'inflazione di almeno lo 0,6%


LA RICHIESTA – "I prezzi hanno iniziato finalmente a raffreddarsi”. Così il Codacons ha commentato i dati diffusi oggi dall'Istat e chiede al governo di non alzare l'Iva. "Un andamento, si legge in una nota, che non fa altro che confermare un crollo dei consumi senza precedenti, una caduta della domanda storica che tocca persino beni necessari come gli alimentari".

L’INFLAZIONE – Secondo le ultime rilevazioni dell’Istat, infatti, a marzo l'inflazione ha rallentato ancora – si tratta della sesta consecutiva – con la crescita dei prezzi al consumo ferma all'1,7%, dall'1,9% di febbraio. Si tratta del tasso più basso da novembre 2010. Su base mensile il rialzo è dello 0,3%. In frenata anche i prezzi dei prodotti acquistati con più frequenza dai consumatori, il famoso carrello della spesa. Sul calo incide in particolare l'andamento del prezzo della benzina salito, su base annua, dell'1,1%, in decisa frenata rispetto a febbraio (+3,3%),

IL RISPARMIO – L’associazione, nel comunicare la richiesta, ha calcolato che su base annua "passare dal 3,2 del settembre 2012 all'1,7 di oggi significa, per una famiglia di tre persone, un risparmio di 525 euro in termini di minor costo della vita, non poco in questo momento di crisi e di tasse. Rispetto al marzo 2012, poi, quando l'inflazione era addirittura al 4,2%, il risparmio su base annua è di 874 euro, sempre per una famiglia di tre persone".

L’AUMENTO DELL’IVA – Per il Codacons è quindi "vitale scongiurare l'aumento dell'Iva dal 21 al 22% che determinerebbe, in assenza di arrotondamenti selvaggi, un aumento dell'inflazione di almeno lo 0,6%, infiammando nuovamente i prezzi che invece ora sono finalmente calanti". L'aumento dell'Iva, conclude, "vanificherebbe l'unica cosa positiva che questa crisi ha portato per le famiglie italiane tassate all'inverosimile e ridotte sul lastrico: un'attenuazione dell'inflazione".
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X